Utente 186XXX
Salve dottori,

ho 31 anni, sono un soggetto abbastanza ipocondriaco non fumo, bevo con regolarità e pratico un'intensa attività sportiva.

Negli ultimi anni, occasionalmente nel corso dell'anno, avverto dei disturbi che rilevo come pressori, ossia, senso di cerchio alla testa, calore al volto, senso di pressione al petto, cefalea, dolore dietro l'occhio, senso di pressione sullo zigomo, e se misuro questa pressione essa effettivamente risulta elevata, ma il medico mi ha detto che essendo un soggetto che si mostra spaventatissimo durante anche un controllo casalingo la misurazione risulta come falsata. Il cardiologo non ha ritenuto opportuno farmi intraprendere una terapia in quanto quando mi sento bene e non ho sintomi che mi impensieriscono, riesco ad essere tranquilla e la pressione risulta assestarsi sui 70 - 120.

Il problema che mi sta impensierendo spesso sono queste cefalee, non eccessivamente forti ma localizzate alla parte destra della testa, dietro l'occhio, che mi comportano visione leggermente sfocata, nausea e desiderio di restare al buio per far calmare le quali devo solo dormire diverse ore.
Il disturbo mi capita una volta ogni due-tre settimane circa ed ho paura di misurare la pressione, perche temo sia particolarmente elevata.

Ho anche paura di avere un aneurisma e che si tratti di una sintomatologia tipica del problema.
5 anni fa ho fatto una risonanza magnetica al cervello a causa di attacchi di panico poi curati con una terapia di zoloft, nel caso avessi avuto gia allora un aneurisma si sarebbe rilevato?e quanto tempo ci vuole affinche si formino?

Siccome inoltre pratico un'attività sportiva piuttosto intensa (ma da 20 anni circa) e che a volte ha una discreta stanchezza muscolare vorrei anche capire se può esserci correlazione e se lo sport può creare la formazione di aneurismi.

Grazie mille a chi mi risponderà

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Gentile Sig.ra
devo dire che mi sento di concordare con quanto ritenuto dal suo medico....E' improbabile che il riscontro di valori pressori non ottimali possano dipendere nel suo caso da un'ipertensione arteriosa, così come la cefalea sembra più dovuta ad una emicrania con aurea, che tralaltro ben si inserisce in un contesto di nevrosi d'ansia... Tuttavia per tranquillità le consiglio un Holter pressorio delle 24 h.
Curi e bene comunque il problema psicologico.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 186XXX

Iscritto dal 2010
Grazie mille dottore,

vorrei solo chiederle se il discorso delle cefalee può dipendere da un inizio di aneurisma e se posso continuare a praticare attività sportiva.

grazie mille
[#3] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Se ha già fatto una RMN che lo ha escluso perchè continua a pensare di poterlo avere ??? Si tranquillizzi
saluti
[#4] dopo  
Utente 186XXX

Iscritto dal 2010
L'ho fatta almeno 5 anni fa è ancora attendibile?

All' epoca non soffrivo di questi problemi pressori, che, per quanto riconducibili a stress o ansia comunque ci sono.

Il medico non ha voluto darmi alcuna terapia, ma questo vuol dire che i rialzi pressori dovuti all'ansia sono trascurabili?

Mi scusi tanto dottore, ma è da un paio di anni che convivo con questo problema che mi sta praticamente condizionando la vita, soprattutto ho paura di sbagliare a praticare attività fisica e a non intraprendere alcuna terapia farmacologica.
[#5] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Guardi la RMN certo che è ancora attendibile....Per il resto credo proprio che lei abbia bisogno di un supporto psicologico...la sua è un'ansia importante che può e a mio giudizio deve, essere affrontata in maniera specialistica rivolgendosi ad uno psicologo, che saprà sicuramente aiutarla più di noi....
cordialità