Utente 110XXX
Gent.mi Dottori abbiate pazienza se torno ancora ad argomentare il mio problema che mi porta a sopportare ogni giorno una situazione molto e invalidante ovvero una forte stanchezza che si accentua ulteriormente stranamente con il caldo ed a stomaco vuoto, una stanchezza tale da farti sentire gambe fiacche al punto da sentirle cedere, senso di squilibrio fiato corto per poco sforzo fisico ed anche una certa difficolta alla concentrazione.(preciso che in cocomitanza ai sintomi ho controllatto più volte la pressione.....tutto normale) Torno ancora a porVi il problema in quanto a distanza di un anno e più dopo aver fatto diversi controlli in partenza cardiologici (elettrocardiogramma, visita con ecocardio, 2 olter) Ho effettuato anche ma già 4 anni or sono elettrocardiogr. da sforzo che era stato interrotto a causa di aumento della pressione sangue a 210/100mmHg , il cui esito lo riporto integralmente: paziente esercit. secondo il WHO per 9:15 min.sec. carico max 125 Watt, frequeza card. a riposo erA DI 87 bpm salita a 137 bpm, pressione a riposo era di 130/90 mmHg salita a 210/100 mmHg il test è stato arrestato per aumento patologico press.sanguigna, ricordo che un commento del dottore che mi fece l’ECG riferiva di un certo rischio di ICTUS…Preciso inoltre che nel 2008 feci anche ecocardiografia il cui referto recita questo.: ventricolo sx dimens. normali, interne e spess. parietali, funzione sistolica globale e segmentaria conservate, funz, diastolica normale, atrio sx e cavità normali, radice aortica non dilatata normali morfol. apparati valvolari, trascurab. insuff. mitralica, e tricuspidalica, press. polmonari normali, assente versam. pericardico.In buona sostanza da tutti questi esami cardio mi è stata riscontrata aritmia extrasistolica ventricol. monomorfa. che secondo il medico non doveva essere trattata: ulteriori esami ematologici, endocrinologici , in ultimo neurologici anche con una risonanza alla testa non è emerso nulla di nulla, ..... e meno male, però con ciò non sono venuto a capo del mio problema, ecco perche Vi scrivo nuovamente per chiederVi ancora se veramente dal punto di vista cardiologico avrei fatto tutto il necessario e se veramente non ci sia qualcosa da indagare ulteriormente sotto l'aspetto cardiologico .(dovrei rifare l'elettrocardiogr. da sforzo visto che risale a 4 anni fà?)- Grato sin d'ora per un Vs cortese riscontro.-

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
I disturbi che lei riporta é normale che si accentuino con il caldo e a stomaco vuoto.... non ritengo che sia necessario fare altre indagini cardiologiche. Cordialità
[#2] dopo  


dal 2014
Gent.mo Dottor Rillo La ringrazio per il Suo sollecito riscontro, ma Le vorrei ancora dire che sono anch'io convinto della normalità che i miei sintomi si accentuino con il caldo, ma il problema è un altro, ed è che io abbia proprio quei sintomi soprattutto alla mia età di 58 anni (allora tra qualche anno cosa mi succederà non mi muoverò più???)ovvero che debba setirmi sempre molto stanco e prostrato per poco sforzo fisico, che mi venga il fatone a salire 2-3 rampe di scale, che debba sbuffare per poco.......e poi, Dottore per gentilezza potrebbe darmi anche una spiegazione ed un Suo commento su quell' elettrocardiogramma da sforzo di cui Le ho riportato l'esito e che è stato interrotto per aumento della presione, cosa significa tutto ciò? non dovrei per prudenza rifarlo visto che sono passti degli anni ? (guardi Dottore che non sono per nulla fissato per fare esami su esami, ho ben altro da fare, faccio il professionista e sono impegnato 10 ore al giorno con l'ufficio.....) torno però come Le ho già scritto a dibattere queste problematiche perchè sono molto preoccupato per i sintomi che sento ogni giorno.-
[#3] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Comprendo la sua preoccupazione,
ma da quanto riporta la struttura e la funzione del suo cuore sono normali e quindi i suoi disturbi (non dico che non li abbia) non sono ad esso imputabili....
Per il test da sforzo l'incremento sotto stress fisico dei valori pressori è normale, ma quando raggiungono valori così elevati, come nel suo caso, è pericoloso protrarre il test e per questo è stato interrotto. Potrebbe dipendere da un mancato allenamento o da una predisposizione all'ipertensione...comunque controlli frequentemente la pressione arteriosa. Ripetere il test da sforzo ha senso se ci sono indicazioni ad eseguirlo (è un'esame che serve per escludere problemi coronarici)...se lei presenta fattori di rischio cardiovascolare o se ha o ha avuto una sintomatologia compatibile con una sospetta angina deve ripeterlo, differentemente.....comunque è bene che lei ne parli al suo cardiologo di fiducia, perchè noi a distanza non possiamo esserle di ulteriore aiuto...
saluti cordiali
[#4] dopo  


dal 2014
Egr. Dott. Rillo anche se a distanza di un po di tempo le scrivo ancora ( è passato un po di tempo perchè vivo questo problema nell'incertezza e nel non saper cosa fare e dove sbattere la testa ) innanzitutto per ringraziarLa della Sua cortese gentilezza nelle risposte che mi ha dato, ma anche perchè non trovando tutt'ora una spiegazione al mio problema e non sapendo verso quale aspetto indagare (cardiologico, neurologico, endocrinologico, ecc.tutte indagini già fatte ) torno a chiederLe un Suo consiglio in merito alla questione. Ovvero, se di cardiologico come Lei mi dice non c'è nulla di anormale, allora dove potrebbero essere rivolte ulteriori indagini ed eventuali esami per capire come mai in estate con il caldo io mi debba sentire talmente stanco e con una tale fiacca nelle gambe che mi crea squilibrio e mi obbliga a stare seduto per diverse ore del giorno, oppure mi fa addormentare seduto ad un tavolo, e quando allo stesso tempo mi provo la pressione e questa è sempre uguale, 70/120 che è la mia solita. Detto ciò non so più cosa pensare, Mi dica Lei su che cosa può influire un po di caldo se sul cuore è escluso, ( non si dice che chi ha problemi di cuore in estate deve andare al fresco in mezza montagna? )e la pressione è la solita, potrebbe essere un problema neurologico? (ho già fatto la visita neurologica, ho fatto anche una risonanza all'ecefalo, non è emerso nulla per fortuna) ho effettuato anche diversi esami del sangue prescritti dall'edocrinologo, tutto normale, a questo punto mi dica Lei per gentilezza cosa posso fare, Le sono ancora molto grato per un Suo riscontro e La saluto distintamente
[#5] dopo  


dal 2014
Gent.mo Dott. Rillo sono in attesa di ricevere cortese riscontro ed al contempo mi permetto di effettuare ancora alcune mie considerazioni circa il problema della forte stanchezza e persistente ma solo estiva; appunto percependo forte astenia con fiacca e senso di squilibrio + sonnolenza in estate non riesco a capire come non possa essere un problema di cuore quando ho sempre sentito dire che chi ha problemi cardiologici in estate con il caldo dovrebbe andare in montagna seppure a quote non troppo alte ma comunque al fresco, quindi poichè in questo periodo sento molto ma molto meno o quasi nulla i sintomi di astenia e fiacca ecco che quindi mi permane il dubbio che il mio problema sia dovuto a qualche cosa legato comunque al cuore nonstante i controlli effettuati. Le Sarei grato ancora per un Suo riscontro e La saluto distintamente