Utente 308XXX
Salve sono un ragazzo di 22 anni e sono affetto da distrofia muscolare dalla nascita, ormai in fase avanzata. Mi sono accorto che nonostante quest eta' il mio pene non e' cresciuto minimante, anzi lo vedo piu' piu' piccolo rispetto all'eta' della puberta'.
Ora la mia domanda e': questa condizione e' per via della malettia o e',aihme, normale? GRAZIE

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

difficile, da questa sede, darle un parere mirato sulle dimensioni dei suoi genitali; in questi casi infatti, senza una valutazione clinica diretta, è impossibile formulare una risposta corretta, cioè capire l'importanza del suo problema anatomico e dare quindi una indicazione su quali passi successivi fare sia a livello diagnostico ma soprattutto terapeutico.

Bisogna, a questo punto, consultare in diretta un esperto andrologo.

Un cordiale saluto.

[#2] dopo  
Utente 308XXX

Iscritto dal 2013
e come bisogna fare la diagnosi? In linea di massima la correlazione tra la malattia e il problema e' possibile? Quali sono le possibili soluzioni? GRAZIE
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

il primo passo è ora sentire il suo medico e poi il suo urologo od andrologo di riferimento e con lui si dovrà discutere tutte le problematiche complesse, specifiche e particolari che lei ora qui solleva.

Cordiali saluti.
[#4] dopo  
Utente 308XXX

Iscritto dal 2013
ok....quindi lo specialista neuromuscolare non puo' aiutarmi in questo caso?
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

il "suo medico", a cui facevo riferimento nella precedente risposta, è proprio il suo neurologo; a lui deve chiedere il primo consiglio e poi eventualmente,, sempre su sua indicazione, potrebbe essere consultare anche un bravo ed esperto andrologo.

Ancora un cordiale saluto.