Utente 308XXX
Buongiorno dottore. Le scrivo per un problema in cui sono incorso. Ho 23 anni e durante un allenamento ho preso un forte colpo all'esterno del polso (perdoni la mia mancanza di conoscenza dei corretti termini) e da li ha cominciato a farmi male. Pensando ad una semplice forte botta ho lasciato correre, ma, dopo un mese il dolore andava sensibilmente in crescendo e sono stato a fare una visita che ha rilevato la rottura dell'osso. Il dottore fisioterapista (del quale mi fido) mi ha fatto comprare un tutore (di quelli utilizzati per proteggersi dalle cadute da skateboard, preso da decathlon) che indosso da circa una settimana (la quinta dal trauma). Volevo cortesemente un secondo parere su quali saranno le conseguenze del tempo trascorso prima di intervenire e del fatto che il polso non è perfettamente immobilizzato ma ha un certo ''gioco'' (anche se non mi fa male con il tutore). Una cosa che mi preoccupa è che il polso scrocchia continuamente con conseguente movimentazione, per nulla dolorosa ma ovviamente abbastanza brusca, proprio nella zona della frattura. Lo faceva anche prima ma in queste condizioni è grave? Ho inoltre una visita ecografica i pprimi di luglio per valutare lo stato dei tessuti molli.

grazie della disponibilita

cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

parlare genericamente di "frattura di polso" non ci aiuta a capire qual è il problema.

Esistono molti tipi di fratture, con conseguenti differenti approcci (chirurgico e non).

Senza elementi precisi non possiamo esprimerci. Inoltre, il fisioterapista non è un medico. deve rivolgersi a uno specialista (chirurgo della mano o ortopedico) per valutare correttamente la situazione.

Buon pomeriggio.