Utente 308XXX
Salve Dottore,
chiedo questo consulto per via di un mal di gola che dura ormai da 6 mesi.
Ho provato tutto: antibiotici, antiinfiammatori, e sono in cura da un otorinolarigoiatra che non si spiega i miei sintomi dato che quando mi guarda la gola non vede niente a parte piccola infiammazione. In particolare, nell'ultimo periodo mi sento la gola gonfia e secchissima e il bruciore- pizzicore- fastidio si è esteso anche al palato.
Ho fatto un'ecografia del collo e hanno rilevato ghiandole ingrossate.
Vengo al punto: sono un soggetto molto allergico a polline e graminacee, anche se solitamente gli anni passati avvertivo soltanto i comuni sintomi di quest'allergia cioè una forte rinite. Dato che l'otorino ha sospettato che si tratti si una faringite da reflusso sono andata da un gastrointerologo, il quale mi ha consigliato di fare esami del sangue e Rast alimentari e inalanti.
Risultato : TAS e IgE molto alti (rispettivamente 538 e 1207)
Poi, oltre a riconfermare le allergie alle graminacee, pollini ecc., scopro di essere allergica al grano per un valore di 8,83 ( con N-<0,10) e all'arachide (valore 6,64). Il valore di 8,83 segnala un'allergia pericolosa o leggera?
Dal momento che, non sapendo di avere quest'allergia ho sempre mangiato abbondantemente pane, pasta, e dolci le chiedo : può essere che questo terribile male alla gola e alla bocca sia dovuto a questa allegia al grano?
La ringrazio infinitamente dell'attenzione

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Gentile utente,
considerato
- il quadro clinico non è per nulla suggestivo di un'allergia alimentare e
- il sospetto ORL di reflusso gastroesofageo
non capisco proprio perché il gastroenterologo Le abbia prescritto un dosaggio di IgE piuttosto che sottoporLa ad una gastroscopia.
Il reperto "accidentale" di una chiara positività verso grano e arachide (seppur in assenza di manifestazioni allergiche) dovrebbe essere approfondito mediante il dosaggio delle IgE specifiche verso le componenti molecolari indagabili di questi due alimenti (una possibilità è l'esecuzione del test ISAC). Per l'interpretazione dei risultati dei test allergologici dovrà poi ricorrere necessariamente alla valutazione di un allergologo esperto in materia.
Saluti,
[#2] dopo  
Utente 308XXX

Iscritto dal 2013
Gentile dottore la ringrazio per la risposta,
il gastrointerologo ha detto che la gastroscopia è un esame troppo pesante e invasivo alla mia età e intanto mi ha detto di prendere un medicinale gastroprotettore per 20 giorni, per vedere se ho dei benefici.
Credo di non aver ben capito : quindi lei crede che questo mio dolore alla gola e al palato non sia dovuto a fattori allergici?
La ringrazio di nuovo per l'attenzione
[#3] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Sulla base di quello che ha scritto, ritengo che sia estremamente improbabile. Ma io non L'ho visitata.
Ad ogni modo, senz'altro non stiamo parlando del quadro di un'allergia alimentare.
Saluti,