Utente 150XXX
Salve, devo inviare un test delle urine tramite posta (probabilmente all'estero) per la diagnosi di una malattia metabolica (genetica).
Spero qualcuno sappia darmi delucidazioni su come inviare queste urine (delle 24h): in ghiaccio? Se sì, come? In una scatola di polistirolo?
Immagino che qualcuno di voi abbia fatto qualche volta questa operazione, vogliate spiegare anche a me come preparare questo campione di urine e poterlo inviare al meglio in modo tale da non avere risultati alterati.
Me l'hanno già spiegato ma non ho capito bene, inoltre chi mi dice che va messo in ghiaccio, chi invece mi ha detto che si può evitare.
Vorrei anche capire cosa usare (scatola di polistirolo o cartone, siberini o ghiaccio secco).
Spero vivamente di ricevere una risposta, grazie.
[#1] dopo  
Dr.ssa Stefania Zampatti
32% attività
8% attualità
12% socialità
GENZANO DI ROMA (RM)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2013
Gentile utente,

le consiglio vivamente di contattare il centro che le ha richiesto la spedizione, infatti le modalità di conservazione del prelievo variano a seconda del tipo di indagine che verrà fatta sulle urine. La scatola di polistirolo andrà benissimo in ogni caso, ricordi di sigillare bene il campione prima di inserirlo nella scatola. A questo punto, a seconda della temperatura richiesta dal centro cui invierà il campione, potrà inserire nella scatola ghiaccio secco (se il campione deve partire congelato ed arrivare a destinazione congelato), siberini (se il campione deve mantenersi alla temperatura del frigorifero: +4°C) o semplicemente pezzi di gomma per evitare un eccessivo "sballottamento" durante il trasporto.
[#2] dopo  
Utente 150XXX

Iscritto dal 2010
Grazie per la risposta!
Il centro presso il quale devo spedire le urine, mi ha detto che posso anche evitare di mandarlo a temperatura non ambiente, ma io voglio farlo per una mia ulteriore sicurezza.
Nelle urine andrà ad essere cercato un metabolita molto volatile (una ammina), dunque lei come mi consiglia di spedirlo? Congelato o a temperatura frigo?
In ogni caso i siberini o il ghiaccio secco vanno a contatto diretto col campione di urine di solito?
[#3] dopo  
Dr.ssa Stefania Zampatti
32% attività
8% attualità
12% socialità
GENZANO DI ROMA (RM)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2013
I siberini e/o il ghiaccio andranno a stretto contatto con il contenitore (sigillato) contenente le urine. Ad ogni modo, se il centro ha richiesto una spedizione a temperatura ambiente, le consiglio di seguire le loro indicazioni...

Un caro saluto