Utente 645XXX
Gentili dottori mi rivolgo a voi per un disturbo che mi preoccupa non poco,ho 20 anni e circa un mese fa a seguito di un movimento ho avuto l impressione che mi si fosse girato il testicolo destro ho accusato per alcune ore un lieve dolore,poi scomparso, il giorno successivo il testicolo sembrava essere pero bloccato in alto(nella parte anteriore dello scroto,non tra coscia e addome) e in una posizione inclinata.Decisi di andare dal medico di base,una vlta li tuttavia il testiclo era tornato a posizione normale e in seguito alla visita mi ha solamente diagnosticato un infiammazione al epididimo curata per 4 giorni con ibuprofene 600mg.I lievi dolori iniziali sono svaniti dopo una settimana, ma il testicolo ogni 2 giorni circa si orienta in una posizione orizzontale fastidiosa dalla quale posso muoverlo...ma non sapendo in che senso girare temo di provocare una torsione.
Sapete dirmi come comportarmi in quelle situazioni e che esami o cure sostenere in fuuro?

Cordiali Saluti

Marco

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore ,
potrebbe trattarsi di una eccessiva mobilità del testicolo e questo comporta , data la disposizione a spirale della muscolatura del funicolo spermatico (struttura che contiene anche i vasi arteriosi e venosi che arrivano testicolo), una torsione del testicolo stesso e una riduzione secondaria dell'apporto di sangue ossigenato con conseguente dolore. Questa riflessione potrebbe spiegare il suo sintomo ma, detto questo, dobbiamo anche aggiungere che purtroppo queste situazioni anatomiche particolari richiedono sempre un esame ed un studio clinico diretto, ad personam, del problema per capire bene il disturbo e poi impostare le successive e precise indicazioni diagnostico-terapeutiche. Comunque una cosa importante da tenere presente , se il dolore si ripresenta con una particolare acuzie, è quella ricorrere ad una osservazione specialistica della sua situazione immediata e rapida.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it

[#2] dopo  
Utente 645XXX

Iscritto dal 2008
Ringrazio di cuore per la tempestività della risposta,pur consapevole che servirebbe una visita di persona mi chiedo quali altri eventuali sintomi potrebbero evidenziare un peggioramento del quadro clinico o se è possibile una guarigione spontanea premettendo che:
-il fenomeno si è manifestato di punto in bianco(non ho mai sofferto di questi problemi prima)
-anche quando il testicolo è in posizione orizzontale io non sento dolore(finche ho i pantaloni neppure mi accorgo che è storto)
-in caso di mancato apporto di sangue il testicolo(da quanto ho potuto apprendere in questo utilissimo forum)dovrebbe essere piu piccolo molle e dolente...e quanto osservo o è l esatto opposto!
-a giorni accuso un lieve dolore al basso ventre dx(che tralaltro ogni tanto accusavo anche prim del fatto) e altre volte un senso di pesantezza all' interno coscia...ma mai contemporaneamente e spesso non nei momenti in cui il testicolo è in posizione anomala.

Consapevole del fatto che se dovessi accusare un dolore acuto dovrei recarmi con urgenza al pronto soccorso mi chiedo:
Quanto acuto dovrebbe essere tale dolore?
[#3] dopo  
53238

Cancellato nel 2012
In caso di dolore intenso che fa fatica a sopportare soprattutto se associato ad aumento di dimensioni rispetto all'altro e se insorge di notte o al mattino appena sveglio, vada subito in pronto soccorso.

Cordiali saluti

PS: Se è in dubbio se andare o no ci vada lo stesso, meglio sbagliare per eccesso di controllo che per difetto (max in questi casi)
[#4] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
confermo le parole del collega Maio, comunque si ricordi che in questi casi il dolore deve essere il fattore principale ma non l'unico per indirizzarla verso una attenta ed accurata valutazione andrologica della sua attuale situazione clinica.
Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com