Utente 295XXX
Buonasera a tutti.
Sono un ragazzo di 19 anni e ho dei problemi di erezione.
Ho già scritto un messaggio a riguardo in questa sezione tempo fa.
Ho fatto esami ormonali, ecografia al pene e esami tiroidei senza trovare valori fuori norma. Ho cercato di affrontare la situazione dal punto di vista psicologico con risultati tutto sommato buoni, nel senso che questa condizione non mi crea più una grande ansia o preoccupazione. Tuttavia vorrei risolverla e tornare ad avere erezioni spontanee, stabili e durature come ricordo che avevo qualche anno fa.
L'altro ieri io e la mia ragazza abbiamo fatto l'amore in piscina e sono stato sorpreso di notare che è andata bene, non ho perso l'erezione neanche per un momento. Oggi invece ero da lei e non ha potuto masturbarmi perché non avevo l'erezione. Ho notato che stamattina avevo fatto del jelqing, ossia esercizi di ingrossamento del pene... io mi ritengo normodotato, perciò dopotutto potrei anche fare a meno di questi esercizi, che invece se ben ricordo non avevo fatto nei giorni precedenti al rapporto avuto in piscina.
Faccio questi esercizi da circa 2 anni, e ho riscontrato un leggero aumento della circonferenza. Tuttavia in generale le mie erezioni non sono più solide come quelle che avevo qualche anno fa... Anzi mi ricordo che tre anni fa non riuscivo proprio a controllarle quando stavo con la mia ragazza di allora, era imbarazzante!

Vorrei avere il vostro parere riguardo a questo:
il fatto di smettere di fare jelqing potrebbe giovare alla mia erezione?
e gli esercizi di kegel. che non ho mai fatto con molta serietà, potrebbero aiutarmi ad avere erezioni più rigide?

vi ringrazio in anticipo!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gen.mo utente

Personalmente sono contarrio a questi tipi di esercizi, ancora di piu' in un soggetto con caratteristiche di normalita', infatti l'uso continuo e per lo piu' scorretto puo' generare traumatismi che poi possono inluire sull'erezione stessa.

Smetta tale attivita' e si consulti con lo specialista per valutare se procedere con un esame ecogarfico dinamico per valutare l'integrita' dei tessuti penieni.

Un cordialita esaluto
[#2] dopo  
Utente 295XXX

Iscritto dal 2013
La ringrazio della risposta. Nel caso in cui quest'ipotesi sia corretta - che siano stati questi esercizi a causare la disfunzione - il recupero dal danno causato può avvenire in maniera spontanea? E in quali tempi?
[#3] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Per rispondere serve accertare se e di che entita' e' il danno e quindi da questi dati si potra' stabilire se e'possibile un recupero ed in quanto tempo, quindi si consulti con lo specialista.

Ancora cordialita'