Utente 309XXX
Salve, Vi scrivo in merito a un problema che ho notato da circa due anni. Sono fidanzato da due anni e qualche mese, e quando faccio l'amore con la mia ragazza non riesco quasi mai a venire. Posso durare anche ore, e a volte sembra che sono vicinissimo alla conclusione, ma si tratta quasi sempre di un falso allarme. Sono riuscito a venire tre volte (ovviamente con sforzo sovrumano) in due anni. Quando mi masturbo non ho problemi, i quali saltano fuori quando sono in sua presenza. Ho letto che questo tipo di problema si chiama 'eiaculazione ritardata' e che le cause possono essere tante. Mi sento di escludere il fatto che non sia attratto da lei, anzi. Però questo atto a lungo andare stanca anche me..
Mantengo l'erezione per molto tempo, ma non riesco a concludere!
Ho 21 anni e lei è la mia prima ragazza, se può essere utile.
Cosa potrei fare? Sapete consigliarmi o magari aiutarmi?

In anticipo, porgo i miei Distinti Saluti!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,il desiderio sessuale,legato all'interesse verso la partner,non può essere tirato in ballo,ma l'inesperienza,si.Non perda tempo e consulti un esperto androlog che possa porre una diagnosi di primo livello,basata,innanzitutto su di un esame obiettivo,una valutazione dei dosaggi ormonali ed uno spermiogramma.Ha problemi nella evaginazione del prepuzio sul glande?Cordialità.
[#2] dopo  
Utente 309XXX

Iscritto dal 2013
Salve! La ringrazio per la risposta veloce, e comunque sì, a volte ho dei problemi, altre volte no! Dovrei contattare un andrologo per una o più visite?
Di certo Le do ragione sull'inesperienza! Mi dica se ci sono possibilità di avere un'eiaculazione 'normale'...
Grazie per la Vostra cortesia!
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...credo di si.Cordialita'
[#4] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,
La valutazione andrologica diventa la prima tappa diagnostica, soprattutto d'obbligo quando si tratta di salute sessuale e riproduttiva maschile.

Poi lei scrive:
" Quando mi masturbo non ho problemi, i quali saltano fuori quando sono in sua presenza" ,

Condizione tipica dell'eiaculazione ritardata\ dell'anorgasmia maschile è che il blocco del riflesso eiaculatorio, avviene proprio durante il coito, non con la masturbazione o in altre pratiche extra coito.

Le altre dinamiche sessuali, che esulano l'ambiente vaginale, luogo simbolico carico di simbolismi, censure e paure...solitamente non sono così tanto compromesse....

Le allego un articolo.

http://www.medicitalia.it/minforma/psicologia/1600-eiaculazione-ritardata-piacere-tarda-ad-arrivare.html