Utente 133XXX
Buongiorno dottore, mi è stato diagnosticato a seguito rm una tenosinovite al terzo dito della mano destra (la risonanza è stata prescritta dal mio medico per il perdurare di dolori nel piegare il dito associati a gonfiore).Da circa un mese, avverto anche un senso di dolore nella parte interna dell'avambraccio destro (intendo dire nella parte dell'avambraccio posta dal lato "interno"...come se avessi fatto degli sforzi (che non ho fatto) con sensazione di indolenzimento muscolare (una sorta di dolore lieve associato a bruciore). Nella piega interna del braccio erano comparse due piccole cordicine (tant'è che sembravano delle "corde di chitarra" che si sentivano quasi fino al polso) poi riassorbite a seguito applicazione di voltalgan.
Oggi ho sospeso l'applicazione di voltalgan perchè nella zona vicina alla piega del braccio c'è arrossamento e si manifesta come un effetto di pelle "a buccia d'arancia"...
Comunque c'è un leggero gonfiore e dolore (anche se non fortissimo, è più un fastidio doloroso che un dolore vero e proprio...) anche al tatto...
Secondo lei di cosa si può trattare?

Grazie mille e buona giornata,

PS: il mio medico è in ferie e sinceramente non vado al pronto soccorso per paura di essere liquidato con due parole e la solita pomata...

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

premetto che mi sembra un tantino eccessivo eseguire una RM (esame costoso) per fare una diagnosi di semplice teno-sinovite dei flessori del 3° dito: sarebbe stata più che sufficiente una visita specialistica o una buona ecografia (di gran lunga meno costosa per il SSN).

La causa del dolore all'interno del gomito/avambraccio potrebbe essere imputata a una epitrocleite, patologia muscolo-tendinea molto frequente insieme all'epicondilite (sul lato esterno).

Non posso consigliarle una terapia specifica, in quanto prima va fatta una diagnosi certa.

Buona giornata.
[#2] dopo  
Utente 133XXX

Iscritto dal 2009
Grazie mille per la risposta tempestiva: comunque va detto che la risonanza l'ho fatta in privato come avevo detto al mio medico (il giorno dopo della prescrizione, anche perchè i tempi d'attesa della sanità pubblica, aimè, talvolta non sono degni di un paese civile...e per fortuna che, nel mio caso si tratta di un nulla di che...).

Buona serata e grazie ancora
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Di nulla.