Utente 229XXX
Salve,
mia madre,63 anni, ha effettuato una ecografia addome completo per il controllo del fegato grasso. L'ultima ecografia risale a 4 anni fa e oltre al fegato grasso non aveva evidenziato nulla di anomalo ai reni "reni di dimensioni normali con spessore corticale conservato e rare cisti parapieliche, assenza di dilatazioni a carico del bacinetto e degli ureteri", il medico aveva detto che era tutto normale anche le cisti.
L'ecografia odierna invece conferma il fegato grasso e l'assenza di patologie a tutti gli altri organi ma per i reni dice cosi "reni di dimensione volumetrica ai limiti del normale (circa 88 sx circa 91 dx) con parenchima assottigliato e lievemente sclerotico, presenza di alcune cisti parapieliche, assenza di dilatazioni del bacinetto e degli ureteri".
Il mese scorso mia madre aveva effettuato un check up del sangue ed erano tutte nella norma comprese azotemia, creatinina, quadro proteico elettroforesico e esame delle urine.
Mia madre è ipertesa dall'età di 40 anni e cura ovviamente la pressione con la compressa. Prende inoltre la compressa per il colesterolo.
Ovviamente non pretendo una diagnosi certa o altro, ma dei consigli e dei pareri. Abbiamo prenotato una visita nefrologica.
A cosa può essere dovuto un cambiamento cosi importante in 4 anni??
La situazione è preoccupante? Può guarire?
Grazie mille.
[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Gentile Signore,
l'ipertensione a lungo termine può causare un danno renale con progressiva retrazione (o sclerosi) del tessuto. Il nefrologo è certamente lo specialsita in grado di giudicare al meglio questa situazione funzionale.

Saluti
[#2] dopo  
229354

dal 2015
grazie dottore,
quindi lei ritiene che l'ipertensione, nonostante sia stata tenuta sotto controllo, possa essere stata la causa di tutto ciò in 4 anni??
A questo punto mi chiedo come mai il cardiologo non abbia mai parlato di una tale possibilità ne mai prescritto una ecografia renale, è stata fatta di nostra iniziativa, se risulterà che l'ipertensione è la causa di ciò pretenderò da lui spiegazioni in merito.

Sono molto in ansia. Ho paura che si possa arrivare alla dialisi.
La visita nefrologica è già stata prenotata per la prossima settimana.
[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Signora,
quattro anni soli non sono ovviamente sufficienti per sviluppare un danno significativo, che richiede senz'altro tempi molto più lunghi. L'aspetto dei reni all'ecografia viene descritto dall'operatore in base a criteri molto soggettivi, non ci pare il caso di dare troppo valore in questo momento al parere di un solo ecografista. L'esame andrà eventualmente ripetuto e lo studio integrato anche da altre indagini (es. scintigrafia, eco-doppler, ecc.) che verranno probabilmente disposti dal nefrologo. Infine, la funzionalità renale si basa soprattutto, più che sull'aspetto dei reni, dalla loro funzione determinata in base ad esami di sangue come la creatinina e le clearances, sui cui risultati lei non ci precisa.
In conclusione, non ci pare giustificata al momento tutta la preoccupazione che traspare dalle sue parole.

Saluti
[#4] dopo  
Dr. Piero Mignosi
24% attività
12% attualità
12% socialità
PALERMO (PA)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2011
Gent.mo Utente,
preso atto di quanto riportato nel referto dell'ecografia relativamente ai dati morfologici renali è da ritenersi utile eseguire anche uno studio funzionale renale .
A tal uopo, risulterà utile eseguire i seguenti esami: creatininemia, azotemia, clearance della creatinina, elettroliti sierici ed emocromo per la cui valutazione e per eventuali provvedimenti terapeutici potrà fare riferimento ad un Suo nefrologo di fiducia.
Distinti saluti
[#5] dopo  
229354

dal 2015
Grazie dottori,
mi state un po' tranquillizzando.
Come ho detto nel primo post mia madre ha eseguito un mese fa un check up completo del sangue e tutti i valori rientrano nei limiti indicati dal laboratorio, comprese azotemia e creatinina, quest'ultima è di 0,9mg/dl in un intervallo [0.6-1.3] con metodo Jaffé.
Le urine prelevate al mattino sono tutte regolari, risulta tutto assente.
Al momento non le ho disponibili altrimenti vi scriverei tutti i valori.
Mia madre esegue un check up di questi valori ogni anno e mezzo perché prescritti dal cardiologo e mai nessun valore è uscito alterato.
Anche tutti i valori dell'emocromo ed elettroliti e il QPE sono contenuti negli intervalli indicati dal laboratorio.
La Clearance della creatinina non l'ha mai eseguita poiché mai le è stato indicato di farlo.

Grazie ancora per le vostre parole di supporto.
[#6] dopo  
229354

dal 2015
Salve dottori,
mia madre ha eseguito la visita nefrologica e il risultato è che, secondo il nefrologo, le analisi da lei fornite finora e l'ecografia possono far escludere una nefropatia e quindi ha detto che il danno che si rileva all'aspetto ecografico è dovuto all'ipertensione ed è un danno allo stato molto iniziale.
Le ha prescritto tutta una serie di analisi del sangue e delle urine e non ha ritenuto, al momento, la necessità di prescrivere ulteriori analisi strumentali ai reni ma solo una ecografia tiroidea.
Si riserva di dare la diagnosi definitiva, e quindi l'eventuale cura una volta ottenuto il risultato delle analisi anche se lui si dice praticamente certo che non sia una nefropatia.

La mia domanda è questa, l'ipertensione, ventennale, era curata da farmaci che mantenevano la pressione nei valori limite, come mai quindi, nonostante ciò ha causato danni?
E' possibile tutto ciò?
[#7] dopo  
Dr. Paolo Piana
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Signora,
in effetti, una delle principali cause dell'ipertensione è la perdita di elasticità delle arterie, i farmaci anti-ipertensivi hanno quindi azione sugli effetti e non sulle cause. Anche a livello renale il danno è in primo luogo causato dalla degenerazione aterosclerotica e solo secondariamente dall'ipertensione. Non sono concetti facili da spiegare e comprendere, soprattutto in quattro parole. D'ogni modo, ci pare che il nostro Collega abbia giustamente ridimensionato le vostre apprensioni, il referto di una sola ecografia non deve mai essere considerato così dirimente, ma sempre interpretato con buon senso clinico.

Saluti
[#8] dopo  
229354

dal 2015
Salve,
abbiamo ritirato le innumerevoli analisi del sangue che ha effettuato mia madre.
Poiché sono tante, qui di seguito riporto quelle che mi sembra di capire siano più importanti per i reni se però dovesse servire qualche altro valore lo inserirò.

acido urico *7,5 [2,4-5,7]
sodio 137 [137-150]
potassio 3,6 [3,6-5,4]
cloro 103 [98-108]
sodio urinario 78 [50-250]
proteine urine 24h 100 [0-150]
creatininemia 1,0 metodo Jaffe [0,6-1,3]
creatininuria *900 [1000-1500]
volume urina 2000 ml/24h
clearance *62 ml/min [95-160]
cortisolo sierico 18,5 [8-25]
aldosterone orto *56,8 [70-295]
aldosterone clino 58 [12-125]
renina clino *10,6 [0,2-2,8]
renina orto *12,7 [1,5-5,7]
reazione waaler rose negativo.

ciò che resta delle analisi è tutto nella norma ovvero compreso negli intervalli riferiti.
Nelle analisi delle urine della mattina risulta tutto negativo e tutto assente.

Ci sono dei valori alterati però come potete vedere e ciò mi preoccupa un po'.
Riguardo la clearance, so, perché in passato ne parlai per altri motivi con un nefrologo, che i limiti dei laboratori sono troppo generici poiché in realtà variano a secondo dell'età della corporatura ecc e che diminuisce normalmente con l'età quindi suppongo che quei limiti siano troppo alti per mia madre giusto?
Ho provato a calcolarla anche con le formule su internet ma c'è sempre scritto che non va usato il valore del metodo Jaffe mentre io questo ho.
Renina e aldosterone è la prima volta che li esegue e vedo che non sono nei limiti.
Cosa ne pensate?
Ricordo che mamma è ipertesa da 25 anni, assume congescor + un diuretico di cui non ricordo il nome e la pillola per il colesterolo.
E' molto piccolina di statura (150) ma è un po' sovrappeso.
Non beve (al massimo un bicchiere di vino al pasto ma questo non avviene neanche quotidianamente), e non fuma e segue una alimentazione normale ma senza sale aggiunto.

Ovviamente torneremo dal nefrologo, ma un parere in più potrebbe essere gradito.
[#9] dopo  
Dr. Paolo Piana
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Signora,
i risultati degli esami che ci sottopone sono tutto sommato accettabili per una donna di 63 anni in cura per ipertensione da molti anni. Non ci pare sussistano elementi per sospettare altre alterazioni, ovvero cause particolari dell'ipertensione. Sarebbe opportuno eseguire ancora un eco-doppler delle arterie renali, se non eseguito di recente. La clearance dell'urea è lievemente contratta, ma la creatininemia è ampiamente nei limiti, pertanto la funzione renale è certamente accettabile.Tutto sommato, un quadro confortante e ad oggi non foriero di gravi complicazioni. Ovviamente il parere del nefrologo è essenziale, in particolare per quanto riguarda l'ottimizzazione della terapia.

Saluti
[#10] dopo  
229354

dal 2015
Grazie dottore lei è molto gentile e sempre confortante.

Il nefrologo aveva espresso delle riserve sull'attuale cura di mia madre per l'ipertensione e quindi aspettava proprio il risultato delle analisi per decidere se e come cambiarla.

Tra l'altro mi sembra di ricordare che disse che l'acido urico un po' alto (era alto anche nelle scorse analisi ma mai più di quest'ultimo valore però) può essere dovuto proprio al diuretico, insomma non è sembrato molto convinto del fatto che mia madre sta eseguendo la terapia giusta.

La visita è prenotata per i prossimi giorni.

L'eco-doppler delle arterie renali cosa è? Si effettua come una ecografia normale? Ha un contrasto? Non credo lo abbia mai eseguito in questi 25 anni perché lei ha fatto solo eco dell'addome classici dove non vengono menzionate le arterie renali.

Grazie ancora.
[#11] dopo  
Dr. Paolo Piana
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Signora,
l'eco-doppler delle arterie renali si svolge in modo simile ad una comune ecografia, utilizzando un strumento dedicato in grado di studiare specificatamente il flusso di sangue delle arterie renali, che può essere più o meno alterato nell'ipertensione arteriosa.
In effetti l'acido urico necessita di essere trattato, ci perdoni se non l'abbiamo puntualizzato nel nostro precedente contributo. Il Collega nefrologo si occuperà anche di questo nella imminente revisione della terapia.

Saluti
[#12] dopo  
229354

dal 2015
Gentile dottore,
il nefrologo ha sostanzialmente detto ciò che ha detto lei, e cioè che dalle analisi la situazione risulta alquanto "tranquilla" e meno seria di quanto faceva ipotizzare l'ecografia e normale per le sue condizioni e secondo lui non è foriera di situazioni gravi future.
Le ha per ora mantenuto la cura dell'ipertensione perché si riserva di monitorarla prima per un periodo di tempo per poi decidere però le ha aggiunto una compressa per l'acido urico e le ha detto di ripetere una serie di analisi del sangue a dicembre per tornare a controllo.
Grazie ancora di tutto.
[#13] dopo  
Dr. Paolo Piana
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Signora,
siamo molto soddisfatti per voi che la situazione sia sotto controllo e che dubbi e timori si siano andati progressivamente diradando.

Saluti