Utente 310XXX
Salve. Sono un ragazzo di 25 anni e vivo a trento. Da quando pero ho 13 anni mi sono trasferito a verona per giocare a calcio. Da solo in convitto. A 16 anni durante una partita ho iniziato a sentire il cuore battere velocissimo. Sono uscito subito e poi si é calmato. Ho eseguito holter,visite,eco,ecc tutto nella norma. Nessuna nota particolare.. Sento il cuore partire all improvviso ma mai durante uno scatto o una corsa. Mi capita mentre tiro una punizione,un angolo, faccio un cambio di direzione,una finta...in se ho dedotto io quando faccio una torsione o un movimento strano. Ho giocato in nazionale e sono stato in rosa nella serie b,poi c2 e serie d. Ho sofferto di depressione molto forte che mi ha portato ad assumere sereupin e xanax con l aiuto di uno psicologo. Ho gia smesso di giocare 3 anni fa per questa cosa e adesso anche quest anno non me la sono sentita visto che l anno scorso in un cambio campo di esterni sinistro( sono tutto mancino) mi é partita la tachicardia,mi sembrava che mi si gonfiasse lo stomaco e non mi è passata per un po di tempo piu ampio del solito. Solitamebte questa tachicardia quando inizia finisce in 3-4 minuti credo e poi mi sento come svuotato e per un oretta un po apatico. Forse sara lo spavento. Questa cosa mi blocca. Mi viene da piangere xcche nn riesco piu a giocare... Ieri ultimo episodio: so facendo un camp con i bambini( 3 settimana e stanchezza) e volevo tirare a giro da dietro calcio d angolo. 1 tiro ok,2 tiro ok,3 tiro tachicardia... Avevo il cardiofrequenzimetro e segnava 225-229 battiti. Mi sono spacentato,sono salito in macchina e dopo 2 minuti si è abbassato di colpo a 90.. Poi rimaneva sempre per un oretta dai 86 ai 110 battiti... Ero tuto bagnato sotto la tuta,un lago.. Nn so se è stato lo sbalzo da fuori all interno della macchina manero sudatissimo. Ps: con gli amici e nei capeggi che facevo fino a 2 anni fa non ho mai mai mai avuto nessun sintomo. Non capisco come mai. Ma ieri non ero ne agitato ,ne stressato,niente. Solo molto stanco. Potete aiutarmi? Vi prego. Se volete altre informazioni sono qui. Grazie mille nicola

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Guardi da quanto riporta è molto probabile che lei soffra di tachicardia parossistica, probabilmente sopraventricolare....Potrebbe fare un Holter cardiaco per documentarla ma tenendo presente che se durante la registrazione non ha i sintomi che ha descritto, l'indagine non ha valore diagnostico. In quest'ultimo caso può rivolgersi ad un aritmologo per eseguire uno studio elettrofisiologico intracavitario, che rappresenta il precursore per una eventuale ablazione transcatetere con RF che a sua volta ha l'obiettivo di guarirla dalproblema (se c'è). A Trento ( e lo dico per averci lavorato tanti anni fà) c'è un ottimo centro di aritmologia. lo contatti.
Saluti cordiali
[#2] dopo  
Utente 310XXX

Iscritto dal 2013
Molto molto gentile! Cone si chiama questo studio di trento?ha per caso qualche contatto? La ringrazio!
[#3] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Non è uno studio. E' il centro aritmologico del S. Chiara.
Saluti
[#4] dopo  
Utente 310XXX

Iscritto dal 2013
GraZie mille. Se desidera salutare qualcuno le portero i suoi saluti. Andro a farmi vedere perche non giocare piu a calcio per questa paura è davvero assurdo con tutti i rimedi che ci posson essere! Magari basterebbe una pastiglia! Le rubo ancora un attimo di tempo: è pericoloso lo studio elettrofisiologico? Ho un po di timore essendo entrato in ospedale solo per il setto nasale... Poi sa,quando si parla di cuore entra in testa un agotazione impressionante! Aspetto sue notizie! Grazie nicola
[#5] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
In mani esperte è un esame routinario con rischi trascurabili rispetto ai vantaggi che possono essere ottenuti.
Saluti