Utente 201XXX
Buongiorno,
vi scrivo per avere un consiglio su come poter aiutare mia mamma(48 anni) in quanto ultimamente sembra essere diventata intollerante a qualunque cosa.

qualche anno fa fatto gli esami del sangue ed è risultata intollerante ad una serie infinita di alimenti tra cui tutti i farinacei eccetto il riso uova latticini lieviti e mix di noci.

queste presunte intolleranze sarebbero state la causa di episodi frequenti di dissenteria che si accentuano notevolmente se si trova in situazioni di stress psicologico o se si trova in luoghi affollati dove non è ben chiaro (o vicino) l'accesso al bagno.

sospettando la celiachia ha fatto gli esami del sangue anche per quella ed è risultata negativa.

ha provato quidni a controllare l'alimentazione eliminando cio che le dava fastidio, e affidandosi quindi ad un regime alimentare molto molto simile a quello predicato da un famoso "dottore" francese: tanta carne e salumi alcune volte un po di pesce o uova ma soprattutto niente farinacei e latticini.
questo regime alimentare seppur enormemente squilibrato le ha consentito di vivere una vita normale anche se non è riuscita a sostenerla a lungo e tornando alle vecchie abitudini e sono tornati anche i vecchi problemi.

da ultimo ieri sera era andata a vede un film all'aperto ed è stata costretta a tornare subito a casa poichè si era dovuta recare ai bagni pubblici per bene tre volte nel giro di 30 minuti.

con il risulato che ora ha una pancia grossa come un pallone (quansi raddoppiata) e le fa reazione qualunque cosa anche mangiare dell'insalata.

visto e considerato che si rifiuta categoricamente di sottoporsi ad esami invasivi (gastroscopia e colonscopia) e non vuole andare dal medico perchè teme che le prescriva gli stessi, cosa posso fare per aiutarla? io nel frattempo le ho preso dell'enterogermina...puo' andare bene?

grazie dell'aiuto

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Nicola Verna
44% attività
0% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,
Malgrado la sintomatologia della signora non appaia tipica di una allergia alimentare, potremmo consigliarle di effettuare i test allergometrici che non sono, sicuramente, invasivi. Temo, comunque, che la negatività di tali esami imporrà, successivamente, di rivolgersi ad un Gastroenterologo e seguire l'iter diagnostico che consiglierà.
Cordiali saluti,