Utente 692XXX
Salve,
Mi è stata diagnostica all'età di 8 anni un'allergia di tipo alimentare che si manifestava attraverso il gonfiore di cute e mucose, in realtà l'elenco degli alimenti a cui ero allergica era notevole si potevano riassumere in tutto ciò che non era naturale che conteva conservanti e coloranti, al nickel, che è un pò ovunque nei nostri cibi, ed acidilsalicilico .
Io ho continuati a fare una vita normale cercando di tenere l'allergia sotto controllo e sopratutto continuando a mangiare un pò (sempre nei limiti)tutto proprio per evitare l'effetto contrario (senisibilizzarmi troppo e richiare forti crisi)e cercare di creare degli anticorpi, negli anni la mia allergia è in un certo senso entrata in uno stato soporoso, solo negli ultimi anni si è ripresentata sempre con gonfiore di occhi, mani o gambe ma non risulta più totalmente riconducibile a problemi alimentari ma anche a situazione di ferite cutanee e periodi di stress.
Purtroppo la mia situazione incomincia a preoccuparmi anche perchè non avendo subito nessun intervento non so come il mio organismo possa reaggire sia agli effetti dell'anastesia e dei medicinali che vengono somministrati, sia a possibili ferite.
Dopo averle illustrato il mio quadro clinico vorrei sapere se è possibilie rivolgersi a centri specializzati in quesa patologia che riescano ad indivuare in modo preciso le cause scatenanti.
Grazie Mille

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Nicola Verna
44% attività
0% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Gentile utente,
dai dati che lei fornisce, non si evince una chiara diagnosi di “ALLERGIA ALIMENTARE”. Questa è rappresentata da una reazione ABNORME ed IMMEDIATA verso un alimento o un gruppo di alimenti ed è scatenata dal sistema immunitario. I sintomi che lei riferisce, sembrano molto distanti da una vera allergia alimentare. E’ il caso che lei si rivolga ad un centro di Allergologia della sua zona per fugare ogni dubbio e per iniziare un iter diagnostico per valutare anche patologie non necessariamente allergiche.
Per ulteriori informazioni sulle allergie alimentare può consultare l’articolo “Allergie alimentari: quali sono e come si manifestano” alla pagina http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=35268.
Per quel che concerne il timore di sviluppare allergie da medicinali, la storia clinica da lei riferita (ovvero la mancanza di reazioni avverse ai farmaci finora assunti), non la rende un candidato a sottoporsi a test allergometrici a farmaci. Tali test, infatti, non hanno un valore predittivo per future reazioni in persone che non hanno mani avuto eventi avversi da farmaci in precedenza.
Cordiali saluti,

Dr. Nicola Verna

http://verna.blog.tiscali.it/
[#2] dopo  
Utente 692XXX

Iscritto dal 2008
Salve,
In seguito alla rispota ricevuta, vorrei sapere se potreste consigliarmi un centro accreditato e specilizzato in allergologia nel Lazio.
Grazie Mille
Cordiali Saluti
[#3] dopo  
Dr. Nicola Verna
44% attività
0% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Il sito su cui stiamo scrivendo le fornisce sicurtamente delle informazioni utili (vd. Dr. Montella). Non trascurei, poi, i centri di Allergologia ed Immunologia Clinica connessi con le università di Medicina e Chirurgia.

Cordiali saluti,

Dr. Nicola Verna
[#4] dopo  
Utente 692XXX

Iscritto dal 2008
Salve,
Mi è stata diagnosticata l'allergia al nichel che mi provoca disturbi anche di itpo intestinale oltre ad orticaria-angioedema, eczema diffuso, mi è stato consigliato da un allergologo di seguire una dieta epr 4 mesi eliminando tutti gli alimenti che contengono nichel ed in seguito effetuare il vaccino al nichel in modo da permettere all'organismo di abbituarsi a questa sostanza.
Volevo sapere se questo vaccino in età adulta creare dei particolari problemi e se provoca delle contro indicazioni.
Grazie Mille
[#5] dopo  
Dr. Nicola Verna
44% attività
0% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
I dati in letteratura sull'immunoterapia per il nickel sono ancora pochi. Tale prodotto, infatti, è entrato in commercio da poco tempo.

Il foglietto illustrativo recita:
CONTROINDICAZIONI: Ipersensibilità accertata all’eccipiente. Orticaria o dermatite grave ed estesa in atto.

PRECAUZIONI D'IMPIEGO: Nessuna.

USO IN GRAVIDANZA E DURANTE L'ALLATTAMENTO: Non sono descritte segnalazioni al riguardo. In mancanza di qualsiasi dato, si sconsiglia di iniziare il trattamento durante la gravidanza o
l’allattamento.

INTERAZIONI: Non sono note interazioni di sorta.

Può trovare maggiori informazioni direttamente al sito della ditta produttrice:

http://www.lofarma.it/it/prodotti/allergie_vaccini/TIO.html

Cordiali saluti,

Dr. Nicola Verna

http://verna.blog.tiscali.it/