Utente 614XXX
Gentili medici vi riporto i risultati delle analisi eseguite il 7/05/2008

ORMONI TIROIDEI Valori di riferimento
fT3 1.9 pg/mL 2.4 - 4.7
fT4 9 pg/mL 7 - 18
TSH met.di 3a 2.627 mU/L 0.270 - 4.200
generaz.

ELETTROFERESI Valori di riferimento
C3 102 mg/dL 80.0 - 160.0
C4 12.8 mg/dL 10.0 - 40.0
ENA NEGATIVO

IMMUNOFLUORESCENZA
ANA con titolo
(dil. iniziale 1/160) Positivo debole
punteggiato e nucleolare
1:160

RADIOISOTOPI Valori di riferimento
Anticorpi anti DNA nativo 6.4 UI/mL 0.0 - 7.0


Questi esami mi furono prescritti da un reumatologo al quale mi ero rivolta per i seguenti sintomi: astenia, difficoltà nella digestione (e flatulenza), dolori articolari sotto sforzo (alle spalle e alle ginocchia), secchezza cutanea. Inoltre presento un'irritazione cutanea agli arti (puntini rossi pustolosi) comparsa più di 10 anni fa, le mani sono quasi sempre fredde e "blu" (in particolare d'inverno, ma spesso anche in estate), in alcuni periodi (indipendentemente da stagione, livelli di stress, e da quanto dorma) ho bruciore agli occhi.

Esami del sangue e delle urine sono nella norma tranne:

ESAME CHIMICO-FISICO URINE Valori di riferimento

Proteine 20 mg/dL <10

(L'esame microscopico rileva rare cellule squamose)

FORMULA LEUCOCITARIA

Monociti 9.8 3.4 -9.00


DIAGNOSI PROTEICA
S-ELETTROFERESI

Proteine totali 8.1 g/dL 6.0 - 8.0

Ma precedenti analisi davano questi valori nella norma.

Ho fissato la seconda visita dal reumatologo, ma è il 10 FEBBRAIO 2009!
Dato che non presento tumefazioni alle articolazioni è il caso che mi rivolga ancora ad un reumatologo o è più opportuno consultare un immunologo? Mi conviene aspettare fino alla data fissata o cercare un altro specialista in una città vicina? dovrò rifare le analisi prima della seconda visita, dato che queste ormai saranno vecchie? come devo "interpretare" quel valore di fT3?
Nel frattempo come mi devo comportare, cosa posso fare per la stanchezza? posso correre quando mi sento abbastanza bene o è meglio evitare? Cosa mi consiglia per le irritazioni cutanee (non dànno prurito, sono solo brutte!)?
Il mio medico curante ha detto che l'ANA andrà monitorato nel tempo:ogni quanto? e poi, questi esami mi sono costati 120,12 euro di ticket! non è una cifra che mi posso permettere di spendere a cuor leggero! esiste una qualche esenzione?


Forse può esservi utile: in famiglia abbiamo avuto casi di linfoma (mio padre), leucemia( mia nonna materna), diabete alimentare (zia paterna) e una malattia del sistema nervoso ma non so quale ( zia materna).

Mi sembra di fare la figura della malata immaginaria, non sto propriamente "male", ma non sto mai bene!

Mi scuso se sono stata prolissa e vi ringrazio di cuore.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
20563

Cancellato nel 2010
L'unico dato di un qualche peso e' l' ANA 1:160 con pattern nucleolare, che correla in effetti con forme sclerodermiche. La sintomatologia cutanea e' generica, il titolo e' basso, e' sufficiente controllare il solo ANA diciamo una volta all'anno, con ticket sopportabili.

La tiroide e' a posto, il singolo dato piu' pesante e' il TSH, il quale riflette l'opinione che la sua ipofisi ha circa la sua tiroide. La sua ipofisi pensa che la tiroide vada bene, e noi prendiamo atto.



[#2] dopo  
Utente 614XXX

Iscritto dal 2008
La ringrazio per la sua risposta.
Ma a chi mi devo rivolgere per i "sintomi"? Cosa posso fare per la stanchezza? Ci sono giorni, a volte periodi che sto bene e sopporto gli sforzi normalmente, altri che mi sveglio stanca, i piedi li sento come se avessi camminato tutta notte, mi trascino fino a sera, non riesco a concentrarmi, se ho un'ora libera nel pomeriggio dormo, mi sento un po' energica solo per un paio d'ore, generalmente verso le 19:00...e quei puntini rossi? ho notato che quando tengo le gambe al caldo si notano molto meno...e, la prego mi dia una risposta per la flatulenza! è un problema che mi mette molto a disagio...integratori come "no gas giuliani" possono rappresentare una soluzione adeguata? Li ho sperimentati per poco tempo, ma non vedendo risultati immediati li ho abbandonati.
Ho già analizzato la mia alimentazione, è corretta e completa, posso solo rilevare un consumo di mele forse eccessivo (mai meno di una al giorno, in ottobre-novembre ne consumavo quasi 1 kg al giorno, ne mangio solo una o due). Nei periodi distudio più intenso cedo a zuccheri (miele, cioccolato e gelato) perchè mi "svegliano" e mi permettono di concentrarmi, ma dopo poco sono più stanca di prima (non ricorro agli zuccheri per attacchi di fame, la quota di carboidrati complessi è sempre rispettata).
Questi disturbi si presentano indipendentemente dal tipo di alimentazione (che ho variato più volte, anche), dalla stagione e dal livello di stress.

Le assicuro che voglio solo stare bene, voglio poter studiare con profitto, fare uno sport con regolarità, non sentirmi a disagio con gli altri!

La ringrazio ancora.
[#3] dopo  
20563

Cancellato nel 2010
Su internet funziona meglio l'approccio "domanda secca - risposta secca" basato su fatti e sintomi individuali. Il discorso d'assieme clinico che chiede lei si puo' fare solo dal vivo.

La stanchezza non e' da ipotiroidismo, da cosa sia non so dire. Possono essere digestione pesante, demotivazione, depressione latente, iperparatiroidismo, celiachia, addison, CFS (se esiste), ecc. In generale caffe' e attivita' fisica regolare e non simbolica aumentano il tono adrenergico e combattono la stanchezza. Una volta davanti a una ragazza stanca, dopo esclusa l'anemia, tutti avrebbero tirato in ballo il carattere e non la medicina.

La pelle va vista, e non si puo' dire altro.

La flatulenza si accumula se l'intestino non si svuota regolarmente. Puo' essere fermentativa (batteri attaccano gli zuccheri indigeriti), putrefattiva (attacco a proteine da parte della flora anaerobia con produzione di metano), ma il 70% dell'aria che esce e' comunque entrata dalla bocca per atti di deglutizione impropria (masticazione difettosa, abuso di chewing-gum ecc.) I riduttori di bolle al silicome (dimeticone ecc.) mi risultano inefficaci. Provi con le capsule di carbone attivo, e per il resto via le cicche, tanto moto, barrette di cereali e tenersi idratate.




[#4] dopo  
Utente 614XXX

Iscritto dal 2008
La ringrazio per la sua disponibilità.