Utente 306XXX
Salve mi prima di tutto grazie per l'attenzione che vorrà prestarmi.
Nell'ambito di forti parestesie ai 4 arti ed a difficoltà nei piegamenti delle braccia dopo aver fatto un'elettromiografia che ha dato come esito una leggera perdita di impulso ai nervi ulnari bilateralmente, il neurologo mi ha prescritto l'esame dei potenziali evocati ai 4 arti ed alcune analisi.
I potenziali evocati rientrano nella norma, alcuni valori delle analisi no.
Premetto che sono tiroidectomizzato per carcinoma papillifero, forte fumatore, soggetto allergico ed assumo farmaci in ambito di patologia psichiatrica. Aggiungo che oltre a me nella mia famiglia ci sono stati moltissimi casi di malattie oncologiche (rene, cardias, vescica, prostata). I risultati che non rientrano nel range all'interno delle analisi prescritte sono i seguenti: psa 0,29 psa free 0,04 (tutti e due bassissimi, ma la ratio non dovrebbe far allarmare, almeno credo e spero), cpk valore alto, urea valore alto, mioglobina valore basso, anca c valore di poco superiore al massimo del range, anca p 6 volte superiore rispetto al massimo del range.
Può questo essere indici di patologia tumorale o di quale altro tipo di patologia? A che tipo di specialista dovrei affidarmi per una visita più approfondita (se ritiene ce ne sia il bisogno).
Nelle analisi vi sono anche altri valori che sono stati controllati tipo: ves, fattore reumatoide etc, se ha bisogno di qualche altro valore per fare una diagnosi più precisa me lo dica.
Ringrazio in primis lei ed anche tutto il vostro staff che sempre ci assiste con cordialità e competenza. Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Egregio utente,
è impossibile commentare isolate alterazioni, peraltro elencate - eccezion fatta per il PSA (che appare normale, se espresso in ng/ml) - in maniera grossolana. Ogni risultato necessita di una valutazione alla luce del quadro clinico o di ulteriori informazioni reperibili mediante una visita diretta, poiché esiste la possibilità che alcune alterazioni non siano significative, oppure che possano essere giustificate da situazioni particolari (es. attività fisica, assunzione di farmaci, ecc).
Dal punto di vista immunologico l'interesse si sposterebbe verso il dato dei P-ANCA, che deve essere confermato e comunque commentato solo nell'ambito di una visita "reale" (immunologica o reumatologica).
Ad ogni modo, il primo passo resta il completamento del percorso neurologico (anche e soprattutto perché il "movente" di tanti accertamenti è un sintomo di area neurologica).
Saluti,