Login | Registrati | Recupera password
0/0

Ciste su testicolo

(archivio consulti: per vedere la pagina aggiornata clicca QUI)
  1. #1
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2005

    Ciste su testicolo

    Circa 3 anni fa' mi ero fatto una ecogafria al testicolo dx perche sentivo come una "pallina" su di esso, ero stato tranquillizzato dicendomi, dopo l'esame, che era una semplicissima ciste di grasso/liquido.

    Arrivo al punto, a meta' agosto di quest'anno mi sono accorto che questa ciste si e' ingrossata riesco a vederla senza dover per forza "palpare" la parte, basta tirare un po' la pelle, in questi giorni mi e' cominciato anche un po' di dolore, sento un leggero bruciore anche quando urino, e ho notato che il dolore corrisponde anche sotto l'ombellico.

    Non so' se questo e' dovuto ad una leggera infiammazione? dato che ho rapporti non protetti(con mia moglie) e ha volte capita.

    A maggio ho ricominciato con la palestra, uso pesi veramente "grossi" possono questi avermi causato l'ingrossamento di questa ciste sul testicolo?

    Domani cmq ho un'ecografia, devo dire che sono un po' spaventato.

    Altra mia supposizione, dato che sicuramente ho anche un po' di infiammazione, pu0' avermi questa causato l'ingrossamento della ciste?

    Grazie in anticipo vi faro sapere anche i risultati dell'ecografia.



  2. #2
    professionista non più iscritto (id: 6347)
    Testo rimosso dallo staff@medicitalia.it

  3. #3
    Indice di partecipazione al sito: 219 Medico specialista in: Chirurgia generale
    Andrologia
    Chirurgia dell'apparato digerente

    Risponde dal
    2005
    Gentile Utente,
    Lei ci parla di "cisti" costituita da "grasso o liquido". Purtroppo, mi creda, è troppo generico e se mi permette inusuale come reperto, per poter azzardare una diagnosi. Il grasso, a parte rare eccezioni, appartiene alle strutture superficiali dello scroto e non ha niente a che vedere col suo contenuto. La patologia cistica può interessare il testicolo, ma di solito è più frequente a livello dell'epididimo. E non dimentichiamo che accanto, sopra e sotto al testicolo decorrono vasi venosi che, in teoria, dilatandosi, danno luogo ad un aspetto cistico.
    Come vede siamo nel campo delle supposizioni. Ma lo sa che un buon esame clinico effettuato da un bravo medico Le avrebbe in 3 minuti risolto almeno parte dei Suoi dubbi?
    Si sottoponga all'esame ecografico che spero verrà completato da quello ecocolordoppler. Sospenda l'attività sportiva con pesi fino a che non ha risolto questo problema.
    Affettuosi auguri per tutto e cordialissimi saluti.
    Prof. Giovanni MARTINO




  4. #4
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2005
    Grazie per le risposte, davvero gentili, vi riporto l'esito degli esami, sia quello di 2 anni fa' che quello di oggi.

    Questo e' quello piu' datato
    -------
    Testicoli in sede, regolari per morfologia, dimensioni ed ecostruttura del parenchima, privi di lesioni focali.
    A livello epididimo di destra sono presenti due cisti semplici a contenuto omogeneamente liquido a pareti liscie e regolari adiacenti l'uno a l'altra, una di 1cm e una di 4mm, regolare per il resto l'apedidimo.
    Non alterazioni a livello dell'epididimo sinisto.
    Da entrambe i lati non sono presenti segni di varicocele e di idrocele.
    Regolare la cute ed il sottocutaneo a livello dello scroto.
    Non linfoadenopatie in sede inguinale e a livello del triangolo di Scarpa da entrambi i lati.
    -------

    Questo quello di oggi.

    Entrambi i testicoli sono normali per dimensioni e morfologia.
    La testa dell'epididimo di destra e' leggermente piu' voluminosa del controlaterale verosimilmente per limitati fenomeni di flogosi.
    A questo livello e' presente una cisti di mm4/5.
    Regolare l'ecostruttura del didimo
    A carico del testicolo sinistro si segnale iniziale varicocele di 1° grado.

    Ora io questa piccola "ciste" la vedo come dicevo, quasi ad occhio e la sento piu' grande di quando mi feci la prima ecografia.

    Fatto sta' che ho un po di dolore, proprio nel punto dove si trova questa.

    Cmq ho prenotato una visita specialistica, per farmi controllare, (a proposito per curiosita' 100euro che mi sono stati chiesti sono una cifra giusta per la visita urologica?)

    Sarei grato di leggere vostri pareri.

    Grazie ancora Andrea



  5. #5
    professionista non più iscritto (id: 6347)
    Testo rimosso dallo staff@medicitalia.it

  6. #6
    Indice di partecipazione al sito: 219 Medico specialista in: Chirurgia generale
    Andrologia
    Chirurgia dell'apparato digerente

    Risponde dal
    2005
    Gentile Utente,
    trovo una certa discrepanza fra i due reperti ecotomografici che Lei ci descrive. Si tratta sempre di formazioni cistiche dell'epididimo (o tecnicamente meglio definibili del paraepididimo) di destra. Si conferma la presenza di una cisti di circa 4-5 millimetri di diametro ma mi chiedo solo che fine abbia fatto la più voluminosa (1 cm) che era stata evidenziata nella vecchia ecografia, sempre a destra.
    C'è qualcosa che non mi quadra.
    In ogni caso, atteniamoci all'ultimo esame e prendiamolo per corretto. Io personalmente non opero pazienti con cisti dell'epididimo di dimensioni come la Sua. Spesso per operare a tutti i costi ed asportare una cisti innocua, spesso si creano i presupposti di danni molto più gravi sulla via seminale. Certo, se la cisti aumenta di volume in maniera rapida e va sotto tensione, la cosa cambia aspetto e strategia terapeutica. Quindi il mio consiglio è di lasciarla in pace, non la tocchi, non la stuzzichi, non la osservi in continuazione. La controlli periodicamente con una ecografia, almeno ogni sei mesi, per cominciare.
    Attenzione al varicocele di I grado: specie se Lei pratica pesistica di entità elevata. Quest'ultimo tipo di sport glieLo sconsiglio. Si controlli comunque la qualità del liquido seminale.
    Per quanto riguarda le parcelle dei Medici, beh siamo veramente in una giungla. Leviamo subito di torno medici imbonitori, mercanti, venditori di fumo e, peggio, truffatori. Mi spiace parlare così dei miei Colleghi, ma se vuoLe faccio nomi e cognomi. Sono i pazienti stessi a rameli. Per fortuna sono un minoranza rispetto a una gran numero di medici seri, onesti e scrupolosi. L'entità della parcella dipende da molti parametri: la qualità della clinica o dello studio prescelto (ubicazione centrale o periferica, spese di segeteria, hostess all'accoglienza, pulizia, servizi paralleli offerti, abbattimento delle liste di attesa, collaborazione all'interno di altri Specialisti: tutte cose che hanno un costo), la posizione del professionista scelto (se lei vuoLe a tutti i costi il nome di moda...), indubbiamente le capacità, l'esperienza, la preparazione dello stesso. Queste ultime sarebbero le cose che contano davvero.
    A parte il fatto che esiste un Sistema Sanitario Nazionale che dovrebbe offrire, ed in alcuni casi offre, prestazioni eccezionali a costo di solo ed esclusivo ticket.
    Esistono delle tariffe massime e delle tariffe minime (supervisionate dall'Ordine dei Medici, dove si può eventualmente fare ricorso) entro le quali un buon professionista stabilisce il proprio onorario. Ora giudichi Lei, alla luce di quanto Le ho detto, la congruità o meno della tariffa che Le è stata richiesta.
    Non mi metta in ulteriore imbarazzo :o)
    Auguri affettuosi per tutto e cordialissimi saluti.
    Prof. Giovanni MARTINO



  7. #7
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2005
    Ancora grazie e aggiungo una cosa, che non capisco.

    Quindi la "ciste" che sento non e' altro che un varicocele? se fosse cosi' perche' nel referto dell'ecografia invece di scrivere

    "La testa dell'epididimo di destra e' leggermente piu' voluminosa del controlaterale verosimilmente per limitati fenomeni di flogosi.
    A questo livello e' presente una cisti di mm4/5."

    Il medico non ha semplicemente scritto Varicocele e grado a DX come a fatto per il testicolo sx, dove ha chiaramente specificato inizio varicocele di primo grado?

    Il medico dell'ecografia, mi aveva fatto capire in poche parole che molto probabilmente il tutto era dovuto ad un fatto infiammatorio, cmq per togliere ogni dubbio prossima settimana ho la visita. :-)






  8. #8
    Indice di partecipazione al sito: 219 Medico specialista in: Chirurgia generale
    Andrologia
    Chirurgia dell'apparato digerente

    Risponde dal
    2005
    Gentile Utente,
    capisco che putroppo usando termini tecnici può generarsi confusione. Io ho scritto che la cisti (quella dell'ultimo referto ecografico) è situata nell'EPIDIDIMO (struttura anatomica che è situata sopra il testicolo). Non ho parlato di varicocele a destra.
    LEI HA UNA CISTI DELL'EPIDIDIMO DESTRO. Tutto qui.
    Dovrei farLe un disegno, per spiegarmi meglio, ma non posso. Io, non posso. Il suo medico di fiducia potrebbe e dovrebbe. Non so se mi spiego.
    Ancora affettuosi auguri.
    Prof. Giovanni MARTINO



  9. #9
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2005
    Prof. Martino, la mia ultima domanda era riferita alla risposta del prof. Vitali, che mi aveva messo un po in confusione, e dato che abbiamo quasi risposto in contemporanea, sembrava fosse riferita alla sua :-).

    Purtroppo cambiamdo studio ecografico mi sono "perso" una ciste per strada.
    Si ho capito chiaramente che la mia e' una cisti dell' epididimo e grazie a questo stupendo strumento che e' internet mi sono anche ben documentato.

    Seguiro sicuramente i suoi consigli.

    Saluti

    Andrea






Discussioni Simili

  1. Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 16/09/2005, 11:11
  2. Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 18/09/2005, 14:19
  3. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 10/09/2005, 11:06
  4. Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 03/09/2005, 01:46
  5. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 23/08/2005, 15:42
ultima modifica:  13/08/2014 - 0,17        © 2000-2011 medicitalia.it è un marchio registrato di MEDICITALIA s.r.l. - P.I. 01582700090 - staff@medicitalia.it - Fax: 02 89950896