Utente 312XXX
Buongiorno.
Agli inizi del mese di Luglio, mentre di sera mi toglievo un calzino con la mano destra, si è impuntato il dito medio facendo un vigoroso "stack" e causandomi un dolore molto forte. Pensando fosse qualcosa di lieve ho messo subito il dito in acqua fredda ed ho steccato provvisoriamente in attesa di andare al PS la mattina successiva.

Nessun rigonfiamento dopo 12 ore, ma dito con ultima falange ripiegata in avanti (appunto come un martelletto) e dolore durante il movimento della falange, specie in estensione.

Dalla radiografia non è risultata nessuna anomalia ed il medico mi ha messo un tutore di plastica tenendo così il dito in estensione. Durante queste due settimane di mobilizzazione del dito mi sono limitato a sostituire ogni due giorni il nastro adesivo di fissaggio del tutore in plastica, ma ieri sera ho voluto provare a fare dei movimenti per vedere la situazione, premesso che non mi ero ancora documentato a fondo sui tempi di guarigione.

In pratica ho notato che il dolore è completamente scomparso, ma è rimasta la piegatura della falange in avanti con grosse difficoltà a fare movimenti di estensione (mancanza di forza).

Ho letto la documentazione e vorrei sapere se il fatto di aver provato a muovere il dito dopo solo 2 settimane comporterà problemi di guarigione.

Ho anche letto che non è detto che il dito possa ritornare ad essere come prima ( o l'analogo dell'altra mano) : da cosa dipende? Esiste della ginnastica che possa comunque aiutare il raddrizzamento? dopo quanto tempo posso iniziare a farla?
Anche se il dito rimane un po' storto a martello (spero di no) riacquisterà la stessa forza delle altre dita nei movimenti di estensione?

ringrazio per la gentile risposta in anticipo.

Cordiali saluti e Buon lavoro.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

purtroppo devo dirle che ha commesso un grosso erroreovere anticipatamente la falange distale.

Anzi, i tempi di immobilizzazione (rigorosa) devono essere non inferiori alle 6-7 settimane.

Muovere prima significa compromettere il risultato, che può anche non esserci dopo 6-7 settimane, ma in una esigua minoranza di casi.

Non va fatta alcuna ginnastica.

Buon pomeriggio.
[#2] dopo  
Utente 312XXX

Iscritto dal 2013
Egr. Dott. Leccese,
inanzitutto ringrazio per la Vs. risposta.

Preso atto che ho purtroppo commesso ingenuamente l'errore di "verificare lo stato" del dito, vorrei dunque approfondire il discorso dell'immobilizzazione rigorosa: infatti, il tutore che attualmente uso consente in realtà un micro movimento (qualche decimo di millimetro) di inclinazione della falange quando uso la mano per fare banali azioni come mangiare, lavarmi le mani ecc..

Al PS abbiamo provato diverse dimensioni del tutore e per la conformità del mio dito non avevano tutori più stretti che riuscissero ad entrare.

Vorrei chiedere pertanto se anche questo tipo di micro movimenti possono rendere inefficace la cura.

Ho messo dello scotch di carta tra tutore e dito per tenere il dito il più immobile possibile, ma sono costretto a sostiuirlo quasi tutti i giorni perchè con l'acqua e qualche movimento si deteriora e non fa più presa.
Quando faccio la sostituzione sono costretto quindi a togliermi temporaneamente il tutore.

Ha qualche consiglio da darmi in merito?

Grazie di nuovo e Buona serata
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Minimi movimenti non dovrebbero pregiudicare il risultato.

Purtroppo, però, dal momento che ha tolto il tutore e mosso il dito, ha di fatto azzerato il "timer" e riportato il processo di riparazione al punto di partenza.

Deve evitare rigorosamente l'acqua: se continua in questo modo, non credo che otterrà alcun risultato positivo.
[#4] dopo  
Utente 312XXX

Iscritto dal 2013
Va bene grazie per i consigli, purtroppo sono informazioni che non sapevo prima perchè non mi avevano informato così in dettaglio.

Seguirò queste regole ed a questo punto verso la fine di Agosto, tra 7 settimane mi farò sentire per un aggiornamento.

Grazie di nuovo e buon lavoro.
[#5] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Lo stesso a lei.
[#6] dopo  
Utente 312XXX

Iscritto dal 2013
Egr. Dott. Leccese Buona sera.

Scrivo di nuovo per una nuova richiesta sul tema trattato nel post corrente ( dito medio dx a martello)

Dopo 45 giorni di immobilizzazione rigorosa a seguito delle Vs. indicazioni, oggi ho provato a togliere lo splint per iniziare lentamente a far funzionare il dito.

Apparentemente sembra che non ci sia più l'effetto di piegatura a martello, ma al contrario, il dito risulta esteso, immobile e leggermente gonfio.
Non riesco a piegare il dito se non per micro movimenti in avanti.
Ho notato un lievissimo dolore se provo a piegare in avanti la falange, come se il tendine fosse già in tiro con il dito in posizione estesa.


Chiedo pertanto se questo effetto è normale a seguito della rimozione dello splint dopo tutto questo tempo e cosa posso fare ed evitare affinché tutto possa proseguire al meglio.

Vorrei anche sapere per quante settimane è consigliabile indossare lo splint di notte per evitare movimenti bruschi durante il sonno.

Ringrazio per la Vs. cortese attenzione.
Saluti
[#7] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Non si preoccupi se la falange ungueale rimane estesa, semmai si dovrebbe preoccupare del contrario.

Con il passare dei giorni essa tornera' a flettersi, non abbia fretta in tal senso.

Terrei il tuture notturno per almeno due settimane ancora.
[#8] dopo  
Utente 312XXX

Iscritto dal 2013
Egr. Dott. Leccese,
Approfitto per scrivere due righe per comunicare con piacere che il dito oltre che ad essere tornato perfettamente funzionante, è tornato dritto per come era prima di farmi male.
Rimane una leggera difficoltà a chiudere il pugno della mano ma penso sia questione di qualche settimana per chiudere completamente il pugno.
Credo quindi che il risultato del trattamento abbia avuto pienamente successo.

Non credevo che i tempi fossero così lunghi e la ringrazio in modo particolare per avermi dato le corrette indicazioni soprattutto a non sottovalutare il problema ed avere pazienza.

Sono certo che se quattro mesi fa' non avessi chiesto un consulto probabilmente avrei avuto molti fastidi ed un risultato insoddisfacente.

Grazie di nuovo ed arrivederci.

[#9] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Confermo, tornerà a flettersi normalmente.

Sono contento del buon risultato.

Buona giornata a lei.