Utente 224XXX
Salve carissimi dottori da circa due anni soffro di una difficile erezione da subito mi recai da uno specialista il quale mi diagnosticò una prostatite abbatterica la quale oltre ad una lieve difficoltà minzionale e lievi dolori nella zona pelvica saltuariamente che comunque persistono di tanto in tanto, feci anche delle analisi ormonali le quali risultassero tutte nella norma, quindi non le ho più ripetute, adesso mi trovo in cura da un nuovo specialista che dovrò rivedere la prossima settimana, oltre ad una terapia per la prostatite mi ha fatto rieseguire le analsii che riportò in seguito ritirate questa mattina:
Follitropina fsh. 3,33 mui/ml valori rif. 1,50 12,40
Luteotropina lh 5,00 mui/ml valori rif. 1,70 8,60
Prolattina 25,40 ng/ml valori rif. 4,04 15,20
Testosterone 9,86 ng/ml valori rif. 2,80 8,00
Testosterone lib. 18,50 pg/ml valori rif. 8,00 47,00
Deidroepiandrosterone solfato 515 mcg/dl valori rif 8o,00 560,00
Deidroepiandrosterone dhea 30,00 ng/ ml valori rif 1,80 12,50

Quindi come si può constatare sia la prolattina il testosterone e il DHEA risultano valori elevati rispetto hai valori di riferimento.
La mia domanda è se questi valori potrebbero essere la causa della difficoltà dell'erezione e della libido e se tali sballi possono essere causati dalla prostatite o viceversa.
E se inoltre esistono terapie per far tornare nella norma i sudetti valori.

Con l'occasione porgo i mie saluti.
Grazie in anticipo


Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
quel testosterone alto significa che o fuma o fa sport, per il resto nessuno dei valori da lei postatao può dare problemi erettili.