Utente 313XXX
La mia ex ha avuto 2 forti cistiti mal curate e con cui io, inconsciamente ho avuto rapporti non protetti (usava la pillola). Da allora circa 4/5 mesi ho iniziato ad avere bruciore nella minzione e un arrossamento sulla punta del glande. Il medico di base una volta visionato mi ha prescritto esami per clamidia, gonorrea, hiv, microplasmi, urine che sono risultati tutti negativi e/o corretti e prescritto un antinfiammatorio per uso locale sul glande. La situazione è migliorata, ma passati ancora 2/3 si è ripresentata. Rifatto il tampone, che risulta negativo vi indico i miei sintomi tuttora:
- rossore sulla punta del glande,
- nessuna presenza di pus
- erezioni difficoltose (le raggiungo ma non le mantengo)
- se mi masturbo la mattina, prima di urinare, le prime gocce presentano lievi tracce di sangue
- post coito in alcuni casi sento dolore al pube
Il mio medico dopo aver accertato la non presenza di malattie veneree non mi ha prescritto nulla, mi ha solo detto di rimettere l'antinfiammatorio. Io credo che ci sia qualcosa in più, l'erezione mi spaventa, non ho mai avuto problemi e sono molto preoccupato. Chiedo consiglio a voi esperti, soprattutto sul da farsi. Grazie e buon lavoro

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,con tuti i limiti della'impossibilità di vedere di persona,credo che sia il caso di eseguire uno spermiogramma con coltura,nonché ripetere una urinocoltura ed eseguire un'ecografia della prostata,testicoli e logge renali.Cordialità.