Utente 397XXX
Buon giorno, eccomi ancora a voi sperando in un sollievo “mentale”
La scorsa settimana, come al solito dopo un paio di giorni dalla fine del ciclo e dall’inserimento di Nuvaring, mi sono venuti dei dolori al basso ventre che ho paragonato a fortissimi dolori mestruali, quasi come quelli del travaglio: mi prendevano appunto il basso ventre soprattutto a sx e giravano verso la schiena.
Non era la prima volta e ancora sono andata al PS. Mi hanno fatto lo stick delle urine e sono risultati Leucociti ++ Sangue nelle urine ++. Mi ha visistato un chirurgo di turno carinissimo che mi ha schiacciato tutta la pancia e auscultata persino con lo stetoscopio oltre a farmi comunque una visita generale. Alla fine mi ha detto di non aver trovato niente, la pancia era perfetta, probabilmente c’era una infezione alle vie urinarie e parecchia aria nella pancia ma era tutto a posto.Mi ha detto che il forte dolore arrivava dall’ovaia sx e che trovava una contrattura nervosa. Premetto che io sono molto ansiosa in questo periodo e molto tesa per vari motivi. Mi ha consigliato una visita ginecologica che ho fatto dal mio ginecologo la mattina successiva.
Anche lui mi ha trovato una pancia a posto e tutto bene tranne un evidente (all’eco transvaginale) varicocele pelvico che senz’altro procura dolore “come fossero emorroidi” mi ha detto (di cui sono stata operata nel 2002 ma che si sono ripresentate).
Mi ha dato del Daflon 500 e mi ha consigliato di non stare in piedi tanto e camminare tanto. Mi ha detto anche che se mi sforzo nell’andare in bagno, anche quelle vene potrebbero infiammarsi e farmi male.
Ora volevo un vostro parere, non perché non mi fidi del mio ginecologo ma per tranquillità o per sapere cosa fare mi ritornasse il dolore forte.
Grazie per la gentilezza che avete sempre
[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
CON I LIMITI DI UNA VALUTAZIONE A DISTANZA

Gentile Utente,
sarebbe opportuno ci desse conferma dei suoi dati antropometrici (anni ?).
Il Pronto Soccorso non rappresenta la struttura più adeguata per le valutazioni di cui ha bisogno.
La diagnosi di varicocele pelvico richiede accertamenti precisi (ecografia transvaginale) ed è indispensabile escludere qualunque altra patologia, prima di poter attribuire ad esso con certezza i disturbi lamentati.
Per completezza le indico un articolo sull'argomento:
http://www.medicitalia.it/minforma/chirurgia-vascolare-e-angiologia/95-varicocele-pelvico-femminile-varici-vulvari-insufficienza-venosa.html