Utente 313XXX
buongiorno

per mia madre, 74 anni, ex fumatrice
(da 50 anni - ha appena smesso dopo un tumore alla vescica, sta facendo lavaggi con chemioterapico ogni 2 mesi)
da una decina d'anni soffre di ansia e panico
da un paio d'anni soffre di debolezza, specialmente appena alzata al mattino

da un paio d'anni le misuro la pressione dopo pranzo, leggermente alta, 130->140 / 70->80, con sfigmo "classico"
le ho appena preso un joycare per far da sola

ho riscontrato ieri una pressione molto alta al mattino, 190/100, e mi chiedevo se ci fosse una relazione con la estrema debolezza al risveglio

1 - la prima cosa che mi viene in mente è qualche vaso semiostruito che in posizione sdraiata richiede una pressione elevata

2 - prende una pastiglia per la pressione al mattino, pensavo di fargliene prendere metà al mattino e metà la sera, per distribuire meglio il farmaco sulle 24 ore

consuma moderatamente alcool, e prende anche una pastiglia al giorno per la depressione

riassumendo, i problemi a me noti sono: carcinoma vescica - curato e sotto controllo, debolezza, ansia/vertigini/panico, pressione alta al mattino

al momento quello che mi preoccupa di più e la pressione alta coincidente con estrema debolezza al mattino

grazie 1000
buona giornata
AP

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Sua madre ha bisogno di essere curata adeguatamente, anche per il problema ipertensivo e questo può e deve farlo solo un medico (non può farlo lei, a meno che non sia medico lei stessa).
La cosa peggiore e che una persona non deputata a farlo esprima pareri su terapie farmacologiche (dosaggi e modalità di somministrazione), nonchè ipotesi diagnostiche che giustifichino o meno dei sintomi....
E' questa una forma di "medicina fai da te" estremamente pericolosa...
Quello che le consiglio è di recarsi in tempi stretti da un cardiologo di sua fiducia riferendo quello che ha riportato a noi di MI al fine di permettere di prescrivere eventuali approfondimenti diagnostici (potrebbe essere utile un Holter pressorio delle 24 h) o modifiche terapeutiche...
E non aspetti anni per farlo..
Cordialità
[#2] dopo  
Utente 313XXX

Iscritto dal 2013
grazie 1000

chiedero al suo medico curante l'holter,
e al mio (che è cardiologo) un consulto specialistico.


grazie ancora saluti
AP