Utente 313XXX
Buongiorno, vorrei avere il suo parere. Durante biopsia chirurgica mi hanno tolto dalla mammella sinistra il carcinoma duttale in situ di 5 mm. Il chirurgo che mi ha operato, mi ha parlato di qualche ciclo di radioterapia preventiva. Sofrendo di malatia autoimmune (ologartrite) posso fare radioterapia?
Esiste qualche contrindicazione? Quali rischi potrei correre? Sono molto preoccupata.
Grazie mille per la risposta.
[#1] dopo  
Prof. Filippo Alongi
40% attività
16% attualità
16% socialità
NEGRAR (VR)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Per le malattie autoimmuni con manifestazioni cutanee(Lupus, dermatomiosite,etc) la radioterapia potrebbe essere sconsigliata in caso di fase acuta (controindicazione relativa, non assoluta) . In caso di assenza di manifestazioni attive in corso sulla pelle o riacutizzazioni cutanee recenti, per la radioterapia non dovrebbero esserci impedimenti. Ne parli con il radio-oncologo che la seguirà per la radioterapia durante il colloquio della prima visita di valutazione.
Cordialità
[#2] dopo  
Utente 313XXX

Iscritto dal 2013
Grazie mille per la risposta!
Visto che non ci sono controindicazioni per fare la radioterapia vorrei porre un'altra domanda.
Sul seno interessato vi è un grosso neo-verruca ( non so come chiamarlo) di colore poco più scuro della pelle, fatto di tanti piccoli lobuli. A volte mi prude fortemente. Dermatologi ,che mi hanno visitato, hanno detto che è assolutamente benigno. Possono le radiazioni alterarlo in qualche modo?
Grazie.

[#3] dopo  
Prof. Filippo Alongi
40% attività
16% attualità
16% socialità
NEGRAR (VR)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Ne parli con chi la segue. Ci vuole una visita obiettiva per dire di più.


Saluti
[#4] dopo  
Utente 313XXX

Iscritto dal 2013
Grazie di nuovo per il suo prezioso consulto!
[#5] dopo  
Utente 313XXX

Iscritto dal 2013
Gentilissimo dottore! Eccomi di nuovo a porre domande a Lei.
Il 6 giugno 2013 durante la biopsia chirurgica al seno sin. - exeresi carcinoma duttale in situ di tipi solido G2, con microcalcificazioni, diametro mm 5. Distanza minma tumore - margine mm1,5.

Il 10 settembre ho subito :quadrantectomia per via di microcalcificazioni residui ( scoperti con mammografia di controllo) e allargamento margini distanza - tumore.
Mi hanno tolto linfonodo sentinella per esaminarlo.
Attualmente sto aspettando esiti istopatologici del materiale prelevato.

Vorrei chiedere il Suo parere:
1.se esame istopatologico sara negativo dovrei fare un altra cura?
2. se dovessi sottopormi a la rdioterapia - quale e tempo utile per farla?
Mi preoccupo perche alla mia amica hanno detto che la radioterapia va fatta entro 3 mesi dalla prima operazione.
Sarei molto grata per i chiarimenti della questione.
[#6] dopo  
Prof. Filippo Alongi
40% attività
16% attualità
16% socialità
NEGRAR (VR)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Verosimilmente la radioterapia è indicata in ogni caso, per la presenza di un carcinoma in situ di tipo lobulare che necessità, dopo quadrantectomia, il completamento per sterilizzare la ghiandola residua da focolai occulti eventuali.
Ne parli sempre con chi la segue e soprattutto dopo esame istologico completo. Per i tempi conta l'ultimo intervento. Deve contare i 3 mesi a partire dalla quadrantectomia, non dalla biopsia.

cordialmente.
[#7] dopo  
Utente 313XXX

Iscritto dal 2013
Grazie tante per la Sua gentile risposta. Ora mi sento molto più tranquilla.