Utente 217XXX
Buongiorno dottore.
Vi scrivo a riguardo di mio cognato,di anni 47 che a effettuato l'ecografia sopra descritta in occasione di controlli di follow up per adenocarcinoma del colon sigma sinistro (pT3 pN0 Mx G2-3 C4) operato a luglio 2005 di emicolectomia+ Ct adiuvante De Gramont e colecistectomia+laparocele, effettuata a gennaio 2008:Arrivo alla descrizione dell esame ultimo, maggio 2008 che recita:
Esame in parte limitato da meteorismo,il fegato è stato studiato per lo più per via intercostale .
Il parenchina epatico è apparso ad ecostruttura omogenea; nel contesto delIV segmento si rivelano due piccole cisti attigue con diametro complessivo di circa 13 mm.
Assenza chirurgica di coleciste(fatta a gennaio 2008 per presenza di 2 ademiomi).Non dilatate le vie biliari.
Milza aumentata di volume con diametro bipolare di circa 14 mm,senza evidenza di lesioni focali.
Reni in sede, nella norma per dimensioni ed ecostruttura.Non dilatate le cavità calico-pieliche.
Vescica discretamente distesa;sembra rivelarsi,sebbene il riempimento non sia ottimale lieve(9mm circa)ispessimento parete laterale destra.
Prostata di dimensioni nella norma,senza evidenza di terzo lobo aggettante in vescica.
A questo punto,vorrei chiedervi se vi sono altri esami che approfondiscono l'ecografia e quali sono?
E se da questo referto si pùò parlare di recidive visto Mx?
in ultimo esami ematici sono nella norma come pure CA19.9,e CEA,come lo erano nel luglio 2005 in presenza di patologia
Ringrazio anticipatamente certo di un vostro consiglio
Distinti Saluti
[#1] dopo  
Dr. Carlo Pastore
36% attività
12% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2004
Gentile Utente,

l'ecografia in oggetto non evidenzia nulla di patologico. Esami più accurati dell'ecografia sono la RMN o la TC ma non mi sembra che in questo momento ve ne sia necessità. Il fatto che i markers tumorali siano negativi è una cosa positiva anche se avrebbero aiutato di più nel monitoraggio di eventuali recidive se fossero stati positivi quando era presente la malattia.


Sempre a disposizione, un caro saluto

Carlo Pastore
[#2] dopo  
Utente 217XXX

Iscritto dal 2006
La ringazio vivamente per la sua celerità nella risposta e
Le auguro buon lavoro a lei, e tutto lo staff di MedicItalia
[#3] dopo  
Dr. Carlo Pastore
36% attività
12% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2004
Di nulla, si figuri...

Un salutone

Carlo Pastore
[#4] dopo  
Utente 217XXX

Iscritto dal 2006
***ATTENZIONE!***
Scusate invio messaggio errato.
[#5] dopo  
Utente 217XXX

Iscritto dal 2006
Gentili dottori
Vorrei aggiornarmi con voi in base alle ultime analisi fatte citologiche che i referti recitano tali.
All'esame del primo secondo e terzo campione si osserva presenza di cellule epiteliali pavimentose di alcuni leucociti polimorfonucleati .
Di alcune emazie e di cellule uroteliali.
Negativa nei preparati in esame,la ricerca di cellule neoplastiche.
Si consiglia controllo a distanza.
Siamo andati dall urologo con questo referto e a distanza di un mese ci ha fatto ripetere un'altra citologia fatta in ospedale chhe recita:Il preparato allestito in fase liquida,mediante metodica Thinprep e costituito da alcune emazie ,cellule infiammatorie,cellule squamosedelle basse vie urinarie esenti da atipie e rare cellule uroteliali esnti da atipie citologiche significative. Negativa la ricerca di cellule neoplastiche del campione esaminato.
Siamo tornati da un'altro urologo che ci a consigliato di fare una cistoscopia perchè secondo la visione delle foto ecografiche si potrebbe trattare di una piega del tessuto o nel caso più grave di papilloma. Durante la visita era presente anche il mio amico chirurgo che a fatto presente di fare questo esame al più presto Siccome mio cognato e un po di tempo che è stanco di fare tutte queste ricerche e interventi vorrei un consiglio anche da voi se cercare di convincerlo oppure va bene evitare.
Ringraziandovi Anticipatamente attendo un vostro parere medico
[#6] dopo  
Utente 217XXX

Iscritto dal 2006
Gentili,dottori
Vi scrivo sempre a riguardo delle condizioni di salute di mio cognato. Che ultimamente, in controllo oncologico semestrale a effettuato TC con MDC,il referto che abbiamo ritirato recita qui di seguito descritto.
Esame eseguito con tecnica spirale multistrato prima,durante e dopo somministrazione di mdc,messo a confronto con un precedente TC del 11/05/2007.
Non lesioni tomodensiometriche focali e diffuse con carattere di attività in sede cerebrale.
Sistema ventricolare normoconformato e in asse rispetto alla linea mediana.
In sede subpluerica a livello al livello posteriore del lobo inferiore destro si apprezza inspessimento nodulare di 6mm, mal valutabile nel precedente ma riferibile in prima ipotesi diagnostica ad esito,utili controlli TC nel tempo.
Linfonodi subcentimetrici a livello carenale,in linfonodo centimetrico in sede ascellare destra.
In sede epatica risultano invariate per dimensioni e morfologia le tre immagini ipodense riferibili a cisti,localizzate rispettivamente al I segmento di 1,14 cm,al IV di 1,5 cm,all'VIII millimetrica.
Non lesioni tomodensitometriche a carico dei restanti organi addomino-pelvici che siano nel potere risolutivo della tecnica utilizzata.
Non tumefazioni linfonodali addomino-pelviche.
Non falde libere endoaddominali.

In quanto dal radiologo scritto volevo un vostro parere
considerando che le condizioni di mio cognato sono discrete.
Colgo occasione per augurarvi un Buon Natale e Felice anno nuovo
Distinti Saluti
[#7] dopo  
Dr. Alessandro D'Angelo
48% attività
4% attualità
16% socialità
FURCI SICULO (ME)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Personalmente proseguirei i controlli periodici non essendovi ad oggi chiari segni di ripresa di malattia.
[#8] dopo  
Utente 217XXX

Iscritto dal 2006
Gentili,dottori
Vorrei sapere come devo fare nella situazione in cui mi trovo.
Io nel 2005 all'età di 43 anni sono stato operato di K/colonsigma PT3/N0/MX,(poi laparocele e colectomia TURP il tutto nell'arco di questi 4 anni ed in ultimo tanto per gradire due lipomi nella parte bassa della schiena che speriamo di non dover togliere in quanto attualmente non mi danno fastidio )
sino ad oggi con la chemio adiuvante che ho fatto subito dopo l'intervento non ci sono ricadute ma il problema è un altro la mia famiglia con questa patologia si stà decimando,mio zio paterno e morto 15 anni fà all'età di 60 anni per K/stomaco (?) mia zia paterna e stata operata di poliposi intestinali .
Ma ultima tragica novità è mio padre che ha 73 anni ed è stato operato nel 1976 di laringectomia con radio e chemio poi circa 5 anni fà gli è stato tolto un polmone per alcune metastasi.
Attualmente gli è stato diagnosticato un nuovo k/colon con metastasi al polmone e fegato non è nelle migliori condizioni anche se siamo una famiglia di persone molto reattive e mi diceva che il suo oncologo gli a detto di far controllare i famigliari diretti.
io ho parlato con la mia oncologa in occasione del follow up semestrale e si è dimostrata preoccupata in quanto io ho due figli maschi di 28 anni e 21 anni.
Ho capito da quello che mi diceva che ci sono delle indagini da fare sul mio conto su i vetrini istologici per fare prevenzione per il domani, e rassicurandomi che la situazine sul colon attualmente è molto chiara e standardizzata a livello di predettività e cure.
gentilmente mi potete dare un vostro parere, se non sono stato abbastanza chiaro posso fornire altre informazioni
certo di un vostra risposta.
Distinti,saluti
[#9] dopo  
Dr. Alessandro D'Angelo
48% attività
4% attualità
16% socialità
FURCI SICULO (ME)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Lei è stato chiarissimo e credo che la collega abbia centrato bene il problema.
Ritengo che oltre ai suoi follow-up, i suoi figli debbano effettuare dei controlli periodici (con tempistiche più allargate rispetto alle sue), a scopo preventivo (per esempio colonscopie, sangue occulto fecale...)