Utente 314XXX
Buongiorno, ringrazio anticipatamente della pronta risposta. Ecco la mia situazione. In 3 anni ho visto il mio spermiogramma diminuire di numero notevolmente di anno in anno, tanto è che ora è di molto sotto la norma e anche la motilità degli spermatozoi buoni. Anche mia moglie è in cura da un nuovo ginecologo che ha attualmente scoperto il virus dell'hpv e ha colpito anche me. Il 4 giugno ho tolto dei condilomi sul pene ed ho effettuato lo spermiogramma dopo un paio di settimane e anche quello risulta con valori bassi rispetto alla norma sempre per numero e motilità. L'andrologo dice che il valore basso è possibile che sia dato dall'hpv ma non è detto. Nel frattempo l'11 luglio ho effettuato il tampone balano prepuziale per l'hpv ed è risultato positivo. La mia domanda è questa: dopo quanto tempo il virus dell'hpv, anche se non si manifesta con condilomi, può essere debellato? dopo quanto non intacca lo spermiogramma? e soprattutto, c'è un vero nesso fra le due cose oppure sono cosigliati altri esami? A settembre devo rivedere il mio andrologo per una penoscopia e portare il nuovo spermiogramma, sperando che il virus non vanifichi anche questo. Grazie Fabio

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierfrancesco Palego
24% attività
4% attualità
16% socialità
MESTRE (VE)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2013
Gentile Utente, recenti Studi (Foresta C, Garolla A, Zuccarello D, Pizzol D, Moretti A, Barzon L, Palù G.
Human papillomavirus found in sperm head of young adult males affects the
progressive motility. Fertil Steril. 2010 Feb;93(3):802-6) dimostrano che il virus HPV può alterare la motilità degli spermatozoi ed esser presente anche nel liquido seminale, non solo nelle cellule asportate dal glande o dall'uretra attraverso i tamponi.

Per meglio valutare l'impatto dell'HPV sulla fertilità potrebbe essere utile valutare HPV-DNA su liquido seminale e test FISH HPV (quest'ultimo test permette di capire se il virus si trova sulle cellule epiteliali di sfaldamento o piuttosto sulle cellule germinali (gli spermatozoi).

Si ricordi poi che non è possibile stabilire quanto tempo ci metterà a debellare il virus: a differenza dei batteri non abbiamo la possibilità di eliminare il virus, specie in infezioni datate come la Sua (aveva già condilomatosi), si può però cercare di rinforzare le difese immunitarie ma questo significa che ognuno riuscirà a combattere e/o debellare il virus a seconda della propria "forza" immunitaria.

Spero di esserle stato utile, buona giornata.

[#2] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

oltre alle corrette informazioni datele dal collega Palego, dobbiamo poi aggiungere che purtroppo attualmente non esistono terapie utili a debellare in modo mirato una infezione da HPV e tutto dovrebbe puntare su un discorso preventivo, tramite vaccinazione, che purtroppo attualmente non è previsto per i giovani maschi.

Detto questo segua ora in modo preciso ed attento tutte le indicazioni datele dal suo andrologo che mi sembra medico ben informato.

Un cordiale saluto.
[#3] dopo  
Utente 314XXX

Iscritto dal 2013
Innanzitutto grazie delle vostre risposte. Ne ho presa visione e ho seguito il consiglio del medico andrologo curante.
Dopo l'ultimo spermiogramma di Settembre gli spermatozoi risultano ancora al di sotto dei parametri standard per conta e per motilità e nelle note è comparsa la definizione OLIGOASTENOSPERMIA, con presenza alta di leucociti (950mila).
Effettuato anche il Test per HPV su liquido seminale risultato NEGATIVO.
Sotto richiesta dell'andrologo ho effettuato anche degli esami ormonali dove il testosterone era nei parametri corretti ma un po bassino a suo giudizio e mi ha informato che il numero dei leucociti indica un'infezione.
In base a questi esami, nella visita di fine Settembre mi ha prescritto per 1 mese una bustina di Andrositol la mattina e 1 bustina di Andrositol Plus la sera, insieme alle capsule Virvis per 2 mesi 1 al giorno e durante la visita penoscopica non sono stati rilevati condilomi sul pene.
Non ha richiesto altri esami per approfondimenti e abbiamo rimandato l'incontro prima di Natale portando un altro spermiogramma.

Ho 2 domande che mi incuriosiscono ora:
- L'unica cosa che è cambiata nello stile di vita da Ottobre 2012 ad oggi è che uso quotidianamente lo scooter per il tragitto casa-ufficio-casa per un totale di 34km al giorno. Facendo un lavoro d'ufficio pratico sport almeno 3-4 volte la settimana (calcetto, footing, pesi). Potrebbe inficiare sulla mia situazione?
- Mia moglie ha effettuato un controllo dal suo ginecologo dopo gli interventi di rimozione dei condilomi interni e rilevata presenza del virus HPV, ora risulta perfettamente nella norma e stiamo aspettando l'esame DNA-Test che confermi l'assenza del virus. Nel frattempo sono consigliati rapporti protetti?

Vi ringrazio anticipatamente per le vostre cortesi risposte e del tempo dedicato ai vostri lettori.

Grazie
Fabio
[#4] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

lasci perdere lo scooter e lo sport che non dovrebbero "inficiare la sua situazione"; infine rapporti protetti non sono mai sconsigliati.

Un cordiale saluto.
[#5] dopo  
Dr. Pierfrancesco Palego
24% attività
4% attualità
16% socialità
MESTRE (VE)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2013
Gentile Utente,

per darLe una risposta più accurata (anche se certamente non esaustiva) circa il suo spermiogramma, servirebbe sapere il valore del FSH (dovrebbe essere tra gli ormoni eseguiti).
Inoltre, per definizione, non si può parlare di leucospermia (ovvero la presenza di leucociti nel liquido seminale) se i leucociti sono inferiori ad 1 milione/ml !

In ogni caso, se il 950mila cui Lei fa riferimento è 950.000/ml, il valore rientra nella norma per il "rotto della cuffia" per cui il mio consiglio è comunque di approfondire con:
- spermiocultura per germi comuni, Clamidia T, micoplasmi;
- tampone del solco balano-prepuziale e glande (per verificare l'assenza dell'HPV anche in tale sede).

Dopodichè, se ci saranno batteri alla spermiocultura si tratterà con antibiotico in base all'antibiogramma (terapia mirata), avendo cura poi di fare un'altra spermiocultura che attesti l'eradicazione del batterio, e infine, se l'HPV sarà assente anche al tampone del glande, in caso di negatività del tampone vaginale di Sua moglie, sarà finalmente possibile non utilizzare più il preservativo.

Spero di esserLe stato utile.