Utente 308XXX
Premessa: sono una persona ansiosa, leggermente depressa, con un vissuto di relazioni insoddisfacente e un carattere molto difficile (doverizzazione, ipersensibilità agli eventi, drammatizzazione degli errori, perfezionismo, narcisismo). Per tutto ciò sono in psicoterapia. Detto questo mi si potrebbe dire che qualsiasi mio problema sia dovuto alla condizione psicologica, ma non tutto mi torna.
La settimana passata ero in vacanza con una ragazza che non è la mia ragazza, non lo sarà, ma con la quale c'era buon feeling e attrazione. Mi sentivo a mio agio. Non avendo esperienza, ma anche perché mi sembra giusto, ho assecondato i suoi tempi e modi direi molto femminili. Intendo dire che ci siamo baciati a lungo, accarezzati, insomma molti preliminari, fino al petting sempre più spinto (simulazione di rapporto completo). Essendo anche io molto mentale mi trovavo a mio agio. Il punto è che mi è mancata l'erezione e tutte le volte, ancora con le mutande addosso avevo avuto delle perdite di sperma. Non so dire se di sperma o di liquido prespermatico, non erano delle eiaculazioni piene, non ho sentito niente, ma ero visibilmente bagnato. Non capisco il perché di questa mancata erezione. In effetti due giorni prima della partenza sono andato dall'andrologo lamentando eiaculazione precoce durante la masturbazione e mancanza di desiderio. Tuttavia, proprio per questa precocità e ipersensibilità, mi sarei aspettato rapporti fugaci, ma non mancanza di erezione. Qua mi sembra di non essere stato per niente eccitato! Nell'ultimo rapporto, anche con sesso orale praticato e ricevuto non sono riuscito ad avere una erezione piena. Quello che voglio sottolineare è che lasciamo perdere magari la prima sera, ma almeno l'ultima ero davvero molto rilassato, anche troppo e per niente inibito, con tanto di sorpresa della compagna, che almeno sono riuscito a far godere. Ricevendo sesso orale mi sembrava di non sentire niente, mi stavo quasi addormentando, mi sembra incredibile dopo aver parlato di ipersensibilità.
Temo che non mi sia partito qualcosa dalla testa, come se non sia partito l'input al pene per accendersi, non ero davvero eccitato in senso animalesco. Ero più soddisfatto per il rapporto umano forse e in questo mi sembra che le parti (maschio e femmina) si siano ribaltate. Tuttavia i testicoli erano contratti e il dolore molto forte, quindi non è proprio vero che non mi sono eccitato. Ho pensato che forse abbiamo prolungato troppo i preliminari, ma lo dico solo alla luce della mancata reazione in quanto a me sono piaciuti.
E' brutto perché a me è piaciuto, ma via via meno in quanto non vedevo l'erezione. E' vero, anche da solo non ho moltissime erezioni, però se le cerco le trovo, quindi mi sembra incredibile che in quella situazione non ci sia riuscito. Inutile dire che nonostante la sua comprensione, soprattutto l'ultima sera mi sono sentito davvero a terra, l'ennesima botta.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
già le è stato risposto or non è guari che problemi psicogeni possono giocare un ruolo importante nella genesio dei suoi problemi.Personalmente vedo una serie di deduzioni e controdeduzioni che poco hanno a che fare con la sessualità e molto con l' ansia. Detto questo per non stare a disquisire di questioni di lana assolutamente caprina, e che non porterebbero a nulla. le consiglio di affrontare il problema con collega dal vivo, e, se confermato valutare l' opportunità di un approccio psicoterapeutico.
[#2] dopo  
Utente 308XXX

Iscritto dal 2013
Gentile Dottore,
la ringrazio per la risposta.

Posso chiederle cosa intende dire con questo: "Personalmente vedo una serie di deduzioni e controdeduzioni che poco hanno a che fare con la sessualità e molto con l' ansia."?

Sono ben consapevole dei miei problemi e di quanto influiscano, ed è per questo che comunque ho già assorbito il colpo, in fondo non è stato un fulmine a ciel sereno come può essere per una persona senza "problemi". Tuttavia non è semplice neanche per me, con tutta la consapevolezza che posso avere. Il punto è che cerco sempre di capire cosa mi succede e in questo caso fino a che punto c'entri la testa.

Inoltre pongo a lei e a chi voglia rispondere un quesito più tecnico. L'andrologo per l'eiaculazione precoce mi ha consigliato di non pensarci e di venire nei miei tempi. Solo per le volte successive ed eventualmente mi ha consegnato la crema "Luan". Non l'ho mai usata, ho voluto testare le mie sensazioni naturali. Come detto tutte le volte mi sono "bagnato" ma senza orgasmo, non mi sembrava neanche di essere molto eccitato. Dopodiché non sono stato in grado di riprendere l'erezione e la sensibilità peniena era minima. Quello che mi viene da pensare è che se avessi messo la crema praticamente mi sarei addormentato. Credo che la crema vada bene per chi abbia l'eccitazione e l'erezione in regola, a quel punto serve per limitare la sensibilità del glande. Il problema mio in questo caso era che non ero preso dalla cosa, almeno non abbastanza per un'erezione. E questo non me lo spiego perché la ragazza era quella giusta.
Come vede il punto è questo, non riesco neanche a inquadrare la mia situazione. Non capisco se sono troppo eccitato o per niente, sensibile o no.

Forse l'unica cosa da fare e' vivere un po' le cose e dopo un po' di esperienze farsi un'idea. La cosa è psicologicamente sempre più pesante, ma so che l'unica cosa da fare è tenere duro. La pillola che risolve tutti questi miei casini non esiste.

Grazie.
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
troppa cerebralità. Ed è ora di iniziare a sistemare la cosa.
[#4] dopo  
Utente 308XXX

Iscritto dal 2013
Buongiorno,
vorrei aggiungere due cose qui, per non aprire altre discussioni, meno psicologiche e più urologiche.

Brevemente: ho un varicocele diagnosticato a 14 anni di terzo grado, recentemente in controllo ridimensionato a secondo grado.
Ho fatto spermiogramma e spermiocoltura, esiti regolari entrambi. Dunque nessun problema di fertilità, nessuna infezione.

Come detto per ragioni psicologiche la mia libido è bassa. Questo significa anche che quando mi masturbo lo scroto rimane del tutto o abbastanza flaccido: è normale??

A letto con la ragazza di cui sopra invece sicuramente ero più eccitato, almeno all'inizio, ma le sensazioni sono state tutt'altro che buone. Descrivo: facendo petting mi sono sì eccitato, ma ho provato intenso dolore ai testicoli. Questo è avvenuto tutte le volte che siamo stati assieme, ovvero tre. Successivamente non sono riuscito ad avere erezioni soddisfacenti e terminato il rapporto ho avuto dolore scrotale per tutta la giornata seguente. Non riuscivo neanche a masturbarmi, che so per esperienza essere la soluzione.

Immagino che questo dolore possa essere associato al varicocele, anche se la vasocostrizione scrotale capita anche a chi non ce l'ha, ma ho già fatto svariate visite e per il resto era tutto a posto quindi mi è stato suggerito di non operarmi. Ci sono i presupposti per una nuova visita ponendo in primo piano questo problema?

Purtroppo durante la masturbazione non riesco a "testare" la situazione perchè non sono abbastanza eccitato da avere rigidità scrotale.
Vorrei inoltre sapere se questo dolore che ho provato può giustificare la mancanza di erezione.

Grazie