Utente 314XXX
Buongiorno,
domenica ho avuto tutto il giorno delle fitte intermittenti nel quadrante inferiore destro; ho preso un buscopam compositum ma la situazione non è migliorata. Nel frattempo sono andata 2 volte di corpo, con feci poco formate. Lunedì pomeriggio mi sono recata dal medico curante per farmi visitare e la sua diagnosi è stata una possibile appendicite subacuta (premetto che alla palpazione ho sentito dolore solo la prima volta che ha toccato la zona, la seconda volta già non più). Mi ha prescritto dieta leggera e fermenti lattici; se poi il dolore continuava augmentin e buscopan. Nel caso di febbre o vomito mi ha detto di recarmi in pronto soccorso, ma di non farlo prima perché dato il dolore gestibile e l'assenza di altri sintomi avrei solo perso tempo. Ad oggi le fitte sono passate, ma ora sento come un senso di peso all'addome inferiore destro , inoltre sento tirare la zona dell'inguine e ho anche mal di schiena e del gluteo in corrispondenza di quella stessa zona e una leggerissima nausea.
Ho iniziato oggi (giovedì) pertanto a prendere l'augmentin, ma mi chiedevo se non sia il caso di recarmi ugualmente al pronto soccorso, anche se in assenza di febbre e vomito. Ho molta paura di peggiorare improvvisamente e di andare in peritonite, o comunque di dover essere operata. Del resto capisco che senza aver sintomi forti rischio di passare ore al pronto soccorso per farmi dare solo un antidolorifico.
Vi ringrazio per l'attenzione

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Roberto Rossi
40% attività
16% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Penso che sia opportuna una visita specialistica chirurgica. Il pronto soccorso non è la scelta corretta poiché dai sintomi e da come ha detto il curante non si tratta di un fatto acuto.
[#2] dopo  
Utente 314XXX

Iscritto dal 2013
La ringrazio per la celere risposta. Ne approfitto per chiederle ancora se a suo parere la cura con augmentin possa risolvere il problema e se l'assunzione di buscopan possa essere d'aiuto e non mascherare, invece, un possibile episodio acuto.
Le segnalo, infine., che da lunedi (ultima volta in cui sono andata di corpo) ad oggi, son diventata stitica. Posso secondo lei assumere fibre e parafarmaci a base di fibre per aiutare o è controindicato nel caso di infiammazione all'appendice?
La ringrazio.
[#3] dopo  
Dr. Roberto Rossi
40% attività
16% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
Come già detto nella prima risposta sarebbe importante prima di intraprendere una terapia essere ragionevolmente certi della diagnosi,perchè se il disturbo fosse di origine irritativa colica l'antibiotico non avrebbe indicazione,così come se il fastidio fosse di origine reno ureterale. È pertanto opportuno chiarire il quadro clinico,pertanto ribadisco l'opportunità di una visita chirurgica.
[#4] dopo  
Utente 314XXX

Iscritto dal 2013
Buongiorno, dopo la fine della cura di Augmentin due giorni fa, la sintomatologia era diminuita, ma era pur sempre presente un leggero fastidio in zona; pertanto mi sono ripromessa di recarmi nuovamente dal medico venerdì, dopo aver ritirato gli esami del sangue che ho fatto prima di prendere l'antibiotico (per verificare che effettivamente si fosse trattato di infiammazione dell'appendicite tramite la conta dei globuli bianchi); per decidere il da farsi.
Il problema è che ieri ho avuto un'ovulazione molto dolorosa lato destro, cosa che mi capita spesso e a cui sono abituata, e a tutt'oggi ho ancora il dolore conseguente. Siccome l'ovaia destra è praticamente in zona appendice, e siccome se premo io stessa avverto male, mi chiedo se il medico possa stabilire con sicurezza se l'eventuale infiammazione all'appendice sia passata o meno tramite la palpazione dell'addome.
Non vorrei che il dolore ovarico venga scambiato per un problema appendicolare, come del resto non vorrei che se ci fosse ancora un problema all'appendice questo non venga preso in considerazione.
Immagino che un'ecografia possa essere la via migliore per risolvere il dubbio, ma essendo a ridosso di ferragosto è difficile prenotarne una in tempi brevi e la mia paura è che se c'è un problema non venga affrontato per tempo e sfoci in un'emergenza.
Cosa mi consiglia?
[#5] dopo  
Dr. Roberto Rossi
40% attività
16% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
La diagnosi di appendicite è prevalentemente clinica. L'ecografia non è utile. Come già detto deve essere visitata dal lo specialista chirurgo.