Utente 314XXX
Gentili dottori, la mia domande e preoccupazione è abbastanza semplice,
Il 31 gennaio 2013 mio padre ha avuto un infarto, con occlusione al 90% e a seguito è stato effettuata un angioplastica con inserimento di stent medicato...
Mio padre chiaramente esegue la cura farmacologica prescritta dal cardiologo in maniera esemplare e sicuramente ha cambiato la sua alimentazione, l'unico problema è che continua a fumare piu o meno 10 sigarette al giorno e comunque e aottoposto a molto stress per kotivi familiari e motivi lavorativi.
La mia domanda e preoccupazione è? Puó riavere un ulteriore infarto?
E con questo stile di vita si potrebbe chiudere lo stend?
Mio padre ha 50 anni e non soffre di nessun altra patologia!
Grazie per la riposta

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Mentre faccio i complimenti a Suo padre per la scrupolosità con cui segue la terapia prescritta, devo purtroppo dirLe che tra le cause più frequenti di trombosi intrastent vi è proprio l'abitudine al fumo di sigaretta, oltre al diabete, il sovrappeso corporeo, il mancato controllo della colesterolemia e/o della pressione arteriosa.
Cerchi di convincerlo a smettere subito (ridurre il numero delle sigarette fumate serve a poco nella gestione di questo rischio), magari con l'ausilio di qualche pubblicazione reperibile in Rete e soprattutto con la collaborazione del cardiologo curante in cui, mi pare di capire, Suo padre ripone molta fiducia.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 314XXX

Iscritto dal 2013
Grazie mille professore, la posso porle un ulteriore domanda? Tolti tutte queste problematiche e con una vita socuramente più sana di quella di mio padre.... Quente possibilitá di chiusura di stent ci sono!!?
Grazie per la sua disponibilita
[#3] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Purtroppo la medicina non è una scienza esatta e non è possibile dare dei numeri precisi, ma le probabilità di una restenosi dello stent si riducono drasticamente fino praticamente ad azzerarsi se ci si sottopone con assiduità ai controlli clinici e strumentali presso il cardiologo di fiducia e se si seguono scrupolosamente le prescrizioni dietetiche, farmacologiche e di stile di vita.
Cordiali saluti