Utente 206XXX
Buonasera, vorrei avere qualche delucidazione riguardo le possibili cause che portano alla D.E.
Ho 32 anni, non fumatore e praticamente da sempre faccio attività fisica (quanto basta per compensare la vita da ufficio). Pur essendo "grande" non ho mai avuto relazioni sessuali, non avendo mai trovato "la persona giusta";nelle rare occasioni in cui sarei voluto lasciarmi andare a rapporti occasionali, non ci sono mai riuscito: l'ansia in quelle circostanze mi ha sempre impedito l'erezione.

Ora però ho trovato finalmente la persona giusta per me, ma, mi sono reso conto di avere oltre ansia, difficoltà di erezione. E specialmente ora dopo la mancata erezione della scorsa settimana sono andato nel pallone completamente. A dire il vero, negli ultimi anni ho sempre notato che a differenza di quando ancora studiavo, le erezioni "spontanee" durante il giorno non le ho mai, escludendo quelle a letto.

Inoltre, avverto periodi in cui l'erezione non è mai "forte" e comunque tende a sparire rapidamente. Anche tentando la masturbazione, risultati scadenti. Negli ultimi giorni nemmeno più erezioni spontanee.

Vorrei capire se, questo problema che ormai ho "da sempre" possa essere non solo psicologico ma anche fisico, molte volte ho notato che coricato su un lato piuttosto che su sull'altro o pancia in su, l'erezione è migliore. In seguito a quei rari tentativi di rapporti occasionali, l'andrologo mi aveva fatto fare le analisi per controllare il testosterone e valori simili, e anche di recente per via dell'operazione al varicocele e spermiogrammi vari, le analisi sono sempre state a posto.

Cosa suggerite? Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

è ora di risentire in diretta il suo andrologo di fiducia, da questa postazione difficile arrivare alle conclusioni diagnostiche che lei ci chiede.

Se desidera poi avere più informazioni dettagliate su queste tematiche, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche gl’articoli pubblicati sul nostro sito e visibili agl'indirizzi:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/184-erezione-fare.html ,

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/1234-nuove-terapie-emergenti-trattamento-disfunzione-erettile-de.html .

Un cordiale saluto.
[#2] dopo  
Dr.ssa Angela Pileci
52% attività
20% attualità
20% socialità
SESTO SAN GIOVANNI (MI)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2009
Gentile Utente,

dopo tutte le valutazioni di un bravo andrologo, prenderei in considerazione anche un aspetto molto importante che Lei stesso sta evidenziando:
"Ora però ho trovato finalmente la persona giusta per me, ma, mi sono reso conto di avere oltre ansia, difficoltà di erezione. E specialmente ora dopo la mancata erezione della scorsa settimana sono andato nel pallone completamente. "

Tenga presente che l'ansia è un'emozione preziosa e utile, ma in questa circostanza, tanto attesa e desiderata, che posto prendono altre emozioni come ad es. la curiosità e l'eccitazione?

Forse ansia e paura stanno coprendo tutto il resto...

Inoltre pare sia accaduta una cosa particolare: dopo la mancata erezione, Lei è nel pallone completamente...

Questo può accadere a seguito di una defaillance, perchè si instaura la paura che l'evento negativo (perdere l'erezione) possa ripresentarsi. Pertanto, anzichè concentrarsi sul momento piacevole, ci si concentra sulla performance e sul timore che non riaccada nuovamente qualcosa di spiacevole.

Le suggerirei di focalizzarsi sul piacere dell'intimità e di stare con la Sua donna, senza aspettative e risultati. Questo aiuta a togliere quella quota d'ansia che non Le serve.

Cordiali saluti,