Utente 112XXX
Salve, ho 36 anni, sono affetto da ginecomastia vera sin dall'adolescenza con capezzoli gonfi e sporgenza della mammella,fin'ora non ho mai affrontato il problema dal punto di vista medico, cercando di risolvere con attività fisica e il risultato è stato pressochè nullo. premetto che non ho mai assunto steroidi anabolizzanti o altri farmaci.
Quest'anno ho deciso di rivolgermi ad un endocrinologo che mi ha prescritto esami ormonali (tutti i valori nei range) ed ecografia mammaria e testicolare. Dopodichè la diagnosi è stata: ginecomastia di 1° grado e mi ha consigliato di consultarmi con un chirurgo plastico per rimuovere il problema chirurgicamente. Premetto che pur sapendo che è un disturbo benigno, mi provoca un forte disagio psicologico,e vorrei guarire in modo definitivo, ma prima di affrontare l'intervento vorrei provare altre terapie.
La mia domanda è, anche se i valori ormonali sono nella norma, esiste un trattamento farmacologico in grado di ridurre il problema? Ho letto,corregetemi se sbaglio, che potrebbe nel mio caso essere una eccessiva sensibilità dei recettori estrogenici che provoca il rigonfiamento della mammella. Il tamoxifene è adatto allo scopo? Grazie a tutti coloro che risponderanno.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,il riscontro di valori ormonali nel range fisiologico sconsiglia una terapia ormonale che,facilmente,non porterebbe ai risultati attesi.Se l'endocrinologonon prescrive una terapia farmacologica,evidentemente ritiene che non sia utile...Potrei ipotizzare la
utilità di un approfondimento diagnostico di genomica molecolare ma,comunque,consiglierei di valutare attentamente l'opzione chirurgica,risolutiva in assenza di endocrinopatie.Cordialità.
[#2] dopo  
Utente 112XXX

Iscritto dal 2009
Dr. Izzo, cos'è un approfondimento diagnostico di genomica molecolare? a cosa serve? Le voglio scrivere i valori degli esami, in quanto ritengo che la concentrazione dell'estradiolo anche se nei range è un pò alta, potrebbe essere questa la causa?

LH: 6,87 (1,5-9,3)
FSH: 6,74 (1,4-18,1)
Estradiolo: 30,28 (<39,8)
Prolattina: 8,93 (2,1-17,7)
beta-HCG: <2 (0,0-5,0)
testosterone totale: 6,53 (2,41-8,27)
SHBG: 38,80 (10,0-57,0)
alfa-feto proteina: 4,80 (0,0-6,72)
TSH: 2,0 (0,35-4,50)
FT4: 1,29 (0,8-1,75)
azotemia: 37 (15-50)
creatininemia: 0,9 (0,5-1,2)
albumina: 4,0 (3,4-4,8)
GOT/AST: 15,0 (6-32)
GPT/ALT: 35 (15-56)
Gamma GT: 50 (15-85)
Fosfatasi alcalina 56 (40-129)
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
....tra le altre cose,riguarda lo studio dei recettori del testosterone...Il valore dell'estradiolo è perfettamente normale.Cordialità.