Utente 314XXX
Buon giorno dottore, da circa 3 settimane soffro di un lieve bruciore all'interno del pene con perdite biancastre dense di primo mattino, questi sintomi ho iniziato a sentirli dopo un rapporto non protetto con una ragazza durante il ciclo (in seguito ho saputo che soffre di flogosi). Il mio dottore mi ha prescritto 3 punture di antibiotico, l'ultima risale a una settimana fa.. La dottoressa della ragazza gli ha detto che lei non ha altre patologie e i miei sintomi possono essere dovuti a un'irritazione del suo sangue.. Cosa mi consiglia??

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
sembrerebbe che la terapia nonha sortito gramn effetto se i sintomi perdurano. Protegga i rapporti con profilattico per evitare fenomeno del ping-pong e poi senta specialiosta dal vivo.
[#2] dopo  
Utente 314XXX

Iscritto dal 2013
Grazie della risposta, per quanto riguarda i rapporti mi sono da subito astenuto dal praticarli, il dottore mi aveva accennato alla possibilità di fare un tampone da analizzare non ritenendo necessario un consukto andrologico. Leggendo il forum ho letto che comunque si consiglia un controllo una volta all'anno, meglio rivolgersi ad un andrologo o urologo?? Grazie
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Basta che sia bravo. I tipi di tampone sono due: standard e per ricerca clamidie. Li faccia entrambi poi senta collega dal vivo.
[#4] dopo  
Utente 314XXX

Iscritto dal 2013
Salve, ho eseguito i tamponi a fine agosto e nn hanno dato nessuno risultato, credo dovuto al fatto che i sintomi erano scomparsi... Ma adesso si è ripresentato questo disturbo e a distanza di 2 settimane non sembra passare, non riesco a capirne le cause, ho un'altra partner rispetto alla prima infezione e i sintomi si sono presentati dopo qualche mese... Pensavo di fare nuovamente un tampone prima di iniziare qualsiasi cura o rivolgermi direttamente ad uno specialista..
[#5] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
fare gli esami senza consultare uno specialista per vedere che qualche cosa non sia sfuggito alla biochimica del laboratorio è errore comune. Senta collega dal vivo.
[#6] dopo  
Utente 314XXX

Iscritto dal 2013
Per specialista intende urologo o andrologo? Il mio medico di base non riteneva necessario una visita data la mia eta (26 anni)
[#7] dopo  
Utente 314XXX

Iscritto dal 2013
ho avuto il riscontro delle analisi, positivo alla clamidia..il dottore mi ha prescritto antibiotico dedicato..

Avrei delle domande in merito, prima che mi accorgessi dei sintomi avevo notato un aumento di secrezione e durante quel periodo mi è capitato un breve rapporto non protetto e la ragazza in questione ha un ritardo di ormai 18 gg, la mia domanda è:
1- La clamidia può causare un rilascio di spermatozoi?
2- La clamidia nella ragazza in questione potrebbe aver causato questo ritardo?
3- in caso la ragazza sia rimasta in cinta, la clamidia potrebbe causare problemi nel neonato?

Sò che la risposta più semplice sarebbe eseguire il test di gravidanza ma la ragazza si rifiuta categoricamente e non vuole affrontare il discorso (attualmente si rifiuta perfino di rispondere alle telefonate).

Grazie mille
[#8] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
La risposta è no a tutti e tre i quesiti. Sperimao che l' anno nuovo porti saggezza.
[#9] dopo  
Utente 314XXX

Iscritto dal 2013
Grazie della tempestiva risposta, sicuramente l'esperienza insegna.