Utente 315XXX
Gentili Medici,
mi trovo qui a scrivervi perché da un pò di tempo a questa parte avverto una scarsissima sensibilità sulla zona del Glande durante i rapporti sessuali con la conseguenza di raggiungere difficilmente l'appagamento sessuale.
Non sento assolutamente nulla.
Anche quando mi lavo le parti intime, non avverto nulla nella zona sovrastante, mentre invece in quelle laterali sento che c'è "contatto".
La cosa mi preoccupa un pò dal momento che, quando ho rapporti sessuali, durante la penetrazione, non avvertendo quasi nulla del "contatto", faccio fatica a mantenere l'erezione e di conseguenza raramente raggiungo l'orgasmo. Anzi ultimamente quasi mai.
Questo problema si è presentato da poco, circa un mese, inoltre, prima della mia attuale partner, avevo problemi di ansia di prestazione con quelle prima di lei.
Come posso fare?
Ho letto in vari articoli, che una volta che si perde la sensibilità in certe zone, specie quella urogenitale, è pressoché impossibile recuperare.
Speranzoso in un vostro riscontro,
Vi porgo distinti saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
lasci perdere internet ed ascolti qua. il suo problema è raramente neurologico o prostatico o ormonale, più frequentemente psicogeno. Individuata la causa con bravo collega e terapia mirata si sistema.
[#2] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Caro Utente,l sensibilità al glande,sia in corso che al di fuori di un rapporto sessuale,è un dato molto variabile e personale che è difficile inquadrare clinicamente.A volte uno stato infiammatorio locale o delle vie genitali,nonché una difficoltà nello scivolamento del prepuzio sul glande,possono evocare lo stato clinico.Va da se che sia necesario un controllo diretto.Cordialità.
[#3] dopo  
Utente 315XXX

Iscritto dal 2013
Grazie infinite per la cortese att.ne.
Quindi come afferma il Dott. Cavallini,
Potrei avere bisogno di un buono psicologo o psicoterapeuta specializzato in problemidella sessualità.
Va da se che prima di andare da loro, dovrò andare dal mio medico di base per escludere qualunque possibile causa di natura Fisiologica.

Distinti saluti.
[#4] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
ok faccia sapere se vuole.