Utente 283XXX
Salve sono un ragazzo di 30 anni (appena compiuti). Ho giá scritto qualche mese fá denunciando una certa difficoltá a raggiungere eccellenti erezioni, che fino ad un anno fá erano perfette. Nel giro di pochi mesi la situzione é precipitata in maniera negativa, nel senso che sono passato ad avere erezioni sufficienti per la penetrazione a volte anche senza stimolazione (sia mia che della partner), ad una situazione in cui é assolutamente necessaria tale stimolazione per avere una certa erezione che comunque non é sufficiente in molti casi alla penetrazione e comunque perdo l'erezione raggiunta dopo alcuni secondi in assenza di stimolazione . Quasi totale assenza di erezioni mattudine, mentre un anno fá erano quasi costanti. Cosa stá succedendo? Problemi di natura organica tutto di un colpo? Sono consapevole che esista anche uno stato d'ansia, e comunque una componente psicologica. Ho effettuato esami del sangue, che ha riscontrato livelli normali di testosterone, inoltre i livelli di glucosio sono anch'essi nella norma, quindi escluderei problemi di diabete. I valori di B-Hb anche nella norma, cosí come le componenti tiroidee (P-Tyrotropin e
P-T4 libera) e quelle relative al fegato (P-ALAT, P-ALP, P-GT). Valori tutti nella norma. Tra circa un mese sosterró una visita andrologica. Volevo solo una vostra impressione in generale, anche basata sulla vostra esperienza in attesa della visita andrologica. Devo anche aggiungere che non faccio una vita molto salutare, fumo quotidianamente e bevo alcolici nel weekend, ma é ció che ho fatto per anni (ne pago le conseguenze in un periodo cosí breve?).
Cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Enrico Conti
44% attività
0% attualità
16% socialità
ALBA (CN)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2011
Gentile giovane, preso atto che uil disturbo dell'erezione è ormai stabile da molti mesi, pur essendo Lei giovane, è proprio ora che segua il consiglio già proposto dal collega che ha risposto al precedente consulto, cioè si faccia visitare da un bravo andrologo. Cari saluti.