Utente 313XXX
Buongiorno,è da 4/5 mesi che ho gonfiore e a volte dolore al 4 dito mano destra,dopo numerosi tentativi con pomate(Artrosilene),ghiaccio ecc.il dito non si sgonfia,faccio i rx,ecografia e RMN e non trovano nulla solo con la risonanza magnetica trovano un leggero versamento articolare,non sapendo più cosa fare mi reco da un Fisiatra il quale dopo un'attenta visita mi da la risposta:STIRAMENTO DELLA CAPSULA ARTICOLARE DEL 4 DITO MANO DX,mi consiglia di trattare la parte interessata con della Paraffina e di fare della Magnetoterapia dicendomi che il mio dito non sarebbe più ritornato com'era prima dell'infortunio perchè con uno stiramento della capsula articolare c'era poco da fare!
Vi chiedo il responso del Fisiatra è corretto,davvero il mio dito non tornerà più come prima?
Se è no cosa posso fare per curare il dito infortunato,ci sono cure?
In attesa di una Vostra Risposta,
Cordiali Saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

l'ipotesi più probabile è che ci sia stato un trauma distorsivo, con possibile versamento ematico che, con il tempo, si è trasformato in tessuto fibrotico cicatriziale.

Questo, sarebbe responsabile del gonfiore e dei fastidi residui.

Non credo che vedrà grossi miglioramenti, ma entro 6-8 mesi dal trauma è sempre possibile che i tessuti si assestino e si riduca di conseguenza sia il dolore che il gonfiore.

Buona serata.
[#2] dopo  
Utente 313XXX

Iscritto dal 2013
La Ringrazio per la Risposta,ma non posso fare niente adesso per sistemarlo e posso continuare a giocare a Tennis(qualche oretta) o peggiore il mio stato?
Grazie!
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Non dovrebbe fare danni con il tennis.

Al massimo, se ha fastidio durante il gioco, provi a solidarizzare con un cerotto elastico il dito dolente con quello adiacente, lasciandolo contestualmente libero nella flessoestensione.