Utente 315XXX
Buonasera,

Ringraziandovi anticipatamente,vengo ad esporvi un quesito.
Ho 47 anni,e circa 15 anni fa mi fu diagnosticato un varicocele al testicolo sx.
Mi fu consigliato di indossare slip di taglia inferiore per vedere se il varicocele si riassorbisse spontaneamente.
Cio' avvenne con successo.
Ora,da circa tre anni,alla palpazione sento una grossa massa dura - 4/5 cm di forma frastagliata,crsciuta in pochissimi mesi - molto dura,sempre nella stessa posizione,e insieme ad essa una pallina di dimensione molto piu' piccola nelle vicinanze,e per non farmi mancare nulla,altre 3 o 4 palline di dimensioni quasi impalpabili.
La grossa massa e' l'unica che ha un confine attaccato - credo - a una vena.
Le altre sono "libere".
Non ho dolori,ne a riposo,ne con erezione,ne alla palpazione.
La grossa massa quando indosso slip "costrittivi" si riduce leggermente,diciamo di 1 cm.
Prevenendo il vostro corretto pensiero,mi dichiaro un incosciente,per il fatto che ancora dopo tre anni non mi sono recato da un andrologo.

Veniamo al quesito: a distanza di tre anni,nel caso piu' grave - neoplasia - avrei dovuto sviluppare sintomatologia?
In quale casistica benigna - cisti e/o altro - si puo formare una massa di queste dimenzioni e consistenza - durezza come un sasso?
Dando per ovvio il vostro suggerimento di recarmi al piu' presto da un andrologo,vi chiedo la cortesia di anticiparmi una vostra opinione seppur sommaria.
Questo,anche in caso di rassicurazioni,non mi fara' cambiare idea sul fatto di recarmi al piu' presto da un andrologo,appena terminato il periodo agostoniano.

Cordialmente,

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,aldilà delle perplessità legate alla scomparsa del varicocele grazie ad un indumento intimo...sottolineo come la sintomatologia intrascrotale,rappresentando un'urgenza andrologica,richieda una diagnosi rigorosa legata ad un esame obiettivo diretto,al ricorso ad un ecocolordoppler scrotale ed ad esami ematochimici generali e specialistici,al fine di escludere patologie tumorali.Ci aggiorni,se ritiene,dopo la diagnosi andrologica.Cordialità.
[#2] dopo  
Utente 315XXX

Iscritto dal 2013
La ringrazio per la sua celerita' e cortesia.
Seguiro' il suo consiglio cercando un buon andrologo su Roma.

A uno dei due quesiti ho avuto risposta,all'altro no.
Mi perdoni se insito: una massa cosi' grossa e di cosi' dura consistenza,puo rientrare in patologie benigne?
Cisti e/o altro.

Cordialmente,
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...chiaro che si.Cordialità.