Utente 125XXX
salve dottori, scrivo per avere un parere in merito all situazione di mio padre, anni 60 , 178 cm altezza. 64 kg di peso (prima 70-71). in dicembre in seguito al riscontro di glicemia alta in normali esami di routine 114 nel primo, 127 nel secondo effettuato a distanza di un mese, ha intrapreso una dieta consigliata dal medico di base in cui pane e pasta sono stati drasticamente ridotti (ne era un grande consumatore, soprattuto di pane in abbinamento a quasi tutto) ..dopo 3 -4 mesi di tale dieta è però dimagrito visibilmente fino ad arrivare al peso di 63-64 che tuttora ha da giugno.. ha deciso cosi di fare una visita diabetologica in ospedale in cui gli è stato detto che la dieta eseguita era troppo drastica, e in seconda battuta (un ulteriore visita) gliene è stata data una corretta. Nel frattempo i valori di glicemia a digiuno si sono normalizzati scendendo a 105 e successivamente a 94. (le curve di carico erano sempre risultate nei limiti mi pare).

la mia domanda è la seguente: è normale perdere 6 -7 kg di peso per una dieta cosi E comunque non recuperarli una volta che si è modificata la dieta su indicazione specialista?..nel senso..puo essere che il metabolismo si sia "rieducato" e che quindi non si ingrassi piu anche tornando ad assumere più pane e più pasta?
premetto che per tutto il resto sta bene, nel senso non presenta stanchezza e ha anche molto appetito, piu di prima (a suo dire molte volte si trattiene ma mangerebbe anche tra i pasti ecc) , a me appare solo strano questo suo dimagrimento..prima pur essendo magro aveva la classica pancetta/pancia..che è sparita ora e si vede qualche osso in piu...non capisco se sta cosa buona oppure è preoccupante.
da quando ha raggiunto quella quota di peso 2 mesi fa...63-64 è rimasto attorno ad essa..come se fosse il suo peso ideale.. ma nn so, mi piacerebbe sapere un vostro parere in merito.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Serafino Pietro Marcolongo
56% attività
16% attualità
20% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Gent. utente,

ho letto con la massima attenzione il Suo post e concordo a pieno con quanto Le è stato detto dal collega Diabetologo!!

È uno degli errori da evitare quello di ridurre drasticamente o, peggio, eliminare carboidrati complessi come pane e pasta.

Al momento, comunque, non valuti in negativo l' attuale rapporto peso/altezza raggiunto da Suo padre e sia tranquillo per il nuovo regime dietetico fornito...con più sapienza e professionalità.

La situazione, ora, è sotto controllo!


Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 125XXX

Iscritto dal 2009
Salve dottore, torno a scrivere dopo mesi per un aggiornamento : come le avevo detto mio padre s'era attestato sui 63 kg a giugno dopo le vicissitudini sopra descritte mesi fa.. ora che siamo a febbraio quasi mio padre è :
- sempre attorno a quel peso (63 kg)
- ha valori di glicemia che controlla mensilmente che vanno dai 98 ai 105
- ha appetito quindi mangia come ha sempre mangiato, ha aumentato un po (in seguito a consulto da dietologo ) i quantitativi di pane e pasta

però non aumenta di peso, è quindi sempre come era ad agosto ( viso un po scavato..fisico dimagrito rispetto a quando non faceva nessuna dieta ed era 71 kg)
Per il resto è quello di sempre..lavora, ha energie come al solito, non noto nulla di diverso rispetto a ciò che è sempre stato. Devo dire che non pratica sport per rimettere a tono la muscolatura (tipo palestra), solo alcuni esercizi dati dal fisioterapista per tenere la schiena dritta e non curvarsi ,d'altro canto al di fuori del lavoro fa camminate, è spesso in attività (orto..lavori vari ecc).. .

la mia domanda è: è normale che non sia piu cresciuto di peso? e si sia come stabilizzato a quei 8-9 kg in meno?..ho sempre paura che, seppur avvenuto in seguito a un drastico cambio dell'alimentazione, tale dimagrimento sia conseguenza di qualche brutto male che incombe.

La ringrazio se mi può dare un ulteriore parere alla luce di quasi 1 anno dopo il dimagrimento occorso.
grazie in anticipo per la cortese risposta