Utente 260XXX
Buongiorno gentili dottori,

sono un ragazzo di 26 anni che da quasi 2 anni soffre di attacchi di panico e dopo numerose visite (ecg, eco, holter, analisi del sangue) nell'arco dell'ultimo anno non mi è mai stato riscontrato niente di anomalo, a parte un extrasistolia dovuta allo stress, a livello cardiaco e quindi tutto cio dovrebbe portarmi a stare tranquillo.

Tuttavia, malgrado un ottimo percorsodi psicoterapia, le crisi e le somatizzazioni non danno i miglioramenti sperati e dunque capita di dover ricorrere a medicinali ansiolitici (xanax) per lenire i miei turbamenti.

Fatta questa premessa la mia domanda è: è possibile avvertire delle vibrazioni continue del muscolo cardiaco e cosa sono? e le fitte e le sensazioni di "morsa" al cuore sono direttamente correlabili ad esso oppure ad altre strutture interne?

Vi chiedo questo questo perchè in questi ultimi giorni mi è capito, oltre alle fitte che mi accompagnano da diversi mesi, di avvertire questa sensazione di vibrazione del cuore (anche malgrado l'assunzione dello xanax) e cio non ha fatto altro che aumentare la paura di un attacco cardiaco o di qualcos altro.

Purtroppo essendo queste sensazioni somatiche invalidanti e continue queste non fanno si che alimentare un'ipocondria ed una paura della morte che a sua volta autoalimenta la somatizzazione.

inoltre correlato a questi sintomi, mi capita: sensazione di svenimento, dolori all arto sinistro ed alla schiena, brividi conitnui ed in tutto il corpo.

Attendo la vostra, come sempre, cordiale ed utilissima rispostaringraziandovi anticipatamente.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Lei ha dei tipici attacchi di panico che possono essere leniti ma non curati dall alprazolam ( xanax).
Ci sono farmaci moderni che lappssono giarire.
Ha bisogno solo di un buon psichiatra.
Si tranquillizzi
Cordialita
Cecchini
[#2] dopo  
Utente 260XXX

Iscritto dal 2012
La ringrazio davvero per la celere risposta, ma mi permetta di chiederle una puntualizzazione.

Il sintomo che le ho descritto è una pura sensazione che ho oppure è un effettiva vibrazione del cuore?
in pratica è possibile che il cuore vibri oppure è una sensazione data dall'ipocondria e l'irrequietezza?

grazie ancora
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
È un sintomo,legato alla sua ipocondria.
Arrivederci
Cecchini