Utente 316XXX
Mia figlia sta per compiere 15 anni e da circa una ventina di giorni accusa tachicardia e palpitazioni durante l'arco della giornata. Pesa 58 chili ed è alta 1,55 circa. Viviamo nel sud est asiatico e frequenta piacevolmente la scuola internazionale. È stata visitata da un cardiologo di una seria struttura ospedaliera e le è stata riscontrata, a seguito di elettrocardiogramma ed ecocardiogramma, un lieve rigurgito della valvola tricuspide e polmonare. Il medico le ha prescritto il Digoxin 0,25, 1/2 compressa di Maintate 2,5 (bisoprolol hemifumarate 2,5) e per aiutarla a respirare Spironolactone 2 compresse al giorno. cura da effettuare per un mese. Mi sono sembrate troppe medicine per una cosa lieve ed ho consultato un medico in Italia che mi ha confermato che queste medicine non sono necessarie per un lieve rigurgito e mi ha consigliato di sospendere la cura. Effettuate le analisi per la tiroide sono risultate nella norma. Sospesa la cura la tachicardia continua. Sono preoccupata perché non so a questo punto cosa fare.
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
I rilievi ecocardiografici che lei riporta sono frequentissimi in persone peraltro sane.
Somministrare digossina ad una paziente in ritmo sinusale significa non conoscere la cardiologia (e' inefficace); somministrare un antialdosteronico ad una ragazza di 15 anni sana e' solamente pazzesco se non criminale.
Per cio che concerne il beta bloccante il dosaggio di 2,5 mg in una ragazzina di 15 anni e di 58 kg e' pazzesco.
Spero di essere stato chiaro.
Cordialita'
cecchini