Utente 308XXX
Salve,
da qualche mese ho notato che mangiando alcuni tipi di pomodori freschi mi capita di avere dei bruciori alla bocca ma non al cavo orale, nè problemi gastrointestinali e nemmeno reazioni cutanee. Strofinando il pomodoro fresco sulla pelle, sia dall'interno che dalla buccia, non ho nessun tipo di reazione. Questo bruciore è circoscritto solo alle guance. All'interno della bocca non si notano nè afte, nè gonfiore e nè arrossamento. Non mi capita con il pomodoro cotto o secco.
La buccia della pesca invece mi provoca una leggera reazione cutanea. Alcune macchie rosse sulle zone che sono venute a contatto con la stessa. Un giorno sbucciando una pesca ho notato queste macchioline che sono sparite dopo circa mezz'ora da quando mi sono lavato. Non m icapita se mangio la pesca sbucciata da qualcun altro.
Soffro di rinite stagionale ma non so a cosa sia allergico, non ho mai fatto nessun test.
E' possibile che in questi mesi sia diventato intollerante o allergico? Non effettuo gli esami ematochimici da circa 2 anni, è possibile un abbassamento delle difese immunitarie?
Quali esami specifici mi consigliate di effettuare?

Grazie anticipatamente

Cordialità

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Felice Cosentino
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Il pomodoro fresco, è risaputo, puô dare problemi di bruciori alla stomaco in pazienti che soffrono già di problemi gastrici. Ciô è legato alla presenza di lecita che puô interagire con la mucosa gastrica. Il pomodoro contiene inoltre abbondante istamina e ciô puô essere causa di reazioni allergiche. E' probabile che nel suo caso ci sia una minima reazione locale. Potrebbe anche essere transitoria.

Cordialmente

[#2] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Egregio utente,
da ciò che racconta non si può escludere la possibilità che esista una sensibilizzazione allergica clinicamente significativa anche verso proteine di origine alimentare. Pertanto sembra indicato (e anche opportuno) sottoporsi a test allergologici specifici.
Saluti,
[#3] dopo  
Utente 308XXX

Iscritto dal 2013
Grazie ad entrambi per la celerità della risposta.

Posso aspettare prima di fare dei test diagnostici o c'è pericolo che si possa affermare, nel tempo, una vera e propria allergia ? Quali esami sono indicati? Quelli cutanei o quelli nel sangue?
Quanto rischio c'è nell'avere, nel mi ocaso, uno shock anafilattico?


Grazie ancora per la disponibilità mostratami

Cordialità
[#4] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
I test può effettuarli quando vuole, previa valutazione allergologica.
Nessun rischio particolare per Lei.
Saluti,