Utente 210XXX
Gentili Dottori Oculisti, non è la prima volta che mi ritrovo in questo spazio a porre delle domande, e nonostante sia passato qualche tempo, noto con piacere che molti di voi si preoccupano a fornire risposte dettate dal buon senso, e da un'aderenza alla deontologia non scontati.
Vi scrivo per chiedere un parere circa una situazione che se non mi preoccupa eccessivamente, comunque mi lascia un pò perplesso.
Sono da sempre miope e astigmatico, e quindi indosso gli occhiali e le lenti a contatto davvero poco, una volta a settimana o poco più. Infatti negli anni ho notato una crescente sensibilità dei miei occhi nell'indossarle, che mi ha fatto desistere dal poterle portare, come invece spesso, accade quotidianamente.
I miei occhi, entrambi abbastanza sensibili tuttavia sono molto diversi, come è facile poter intuire. Il sinistro infatti, sicuramente il più sensibile tra i 2, è quello che mi ha dato sempre più problemi, ha una grado di miopia più alto rispetto al desto, e inoltre nella parte esterna è sempre quasi un pò più arrossato. L'occhio destro invece, presenta nella parte interna vicino al naso, una piccola macchia, dovuta non so perchè a un eccesso di vascolarizzazione,che a seconda dei periodi diventa più o meno intensa di colore. Quando è chiara, e mi guardo allo specchio da vicino, noto che è presente una sorta di raggruppamento di capillari di colore grigio-rosato, che formano appunto una macchietta. In questi giorni mi è ricomparsa, e non volendo utilizzare colliri medicati, sto applicando lacrime artificiali o comunque umettanti lenitivi naturali. L'anno scorso in primavera inoltrata, mi è capitato per la prima volta che fosse presente questa vascolarizzazione. Di mia iniziativa stupidamente, ho applicato per un bel pò di tempo il collirio visumetazone, e aggiungo inutilmente. Infatti, non solo non ha sortito l'effetto sperato, ma anzi mi faceva venire dei giramenti di testa assurdi. Poi questa macchietta si è riassorbita, anche se come dire è rimasta sempre un pò in superficie. Che cosa può essere?!! Forse una piccola emorragia subcongiuntivale?! E se così fosse quale sarebbe la terapia più idonea per farla scomparire del tutto?!!
Inoltre per concludere vorrei sapere, perchè i miei occhi sono così sensibili?!! Ho girato diversi vostri Colleghi, e tutti mi hanno detto che non ho problemi o patologie, dandomi comunque la cura del caso, ma anche con contraddizioni abbastanza rilevanti. Un Professore per esempio ha parlato di allergia per l'occhio sinistro, ma poi è stato smentito da un altro collega, perchè è quasi impossibile che solo e soltanto un occhio su due soffra di allergia, e l'altro no. Non so cosa pensare, o meglio, come posso cerco di mantenere la salute dei mie occhi la meglio con lacrime artificiali, anche in gel, e poi umettanti naturali.

Ia attesa di un Vostro riscontro Vi auguro una buona serata.
[#1] dopo  
Dr. Luigi Marino
52% attività +52
20 attualità +20
20 socialità +20
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2004
mio caro giovanotto,
il problema dell'occhio rosso , comunemente definito RED EYE, dai colleghi anglosassoni ha davvero una genesi multifattoriale e nonostanteche la sua desrcizione sia' attenta e precisa non puo' sostituire l'obiettivita' clinica e la necessita' di una valutazione medico oculistica specialistica.
Sicuramente non vi sono allergie presenti in un solo occhio , ma anche la terapia anarchica che effettua , peraltro autoprescritta, non e' destinata ad avere un buon risultato ed un successo terapeutico.
il consiglio e' una buona visita medica oculistica specialistica...e niente autoprescrizione
buona notte
suo doc