Utente 316XXX
Salve, vorrei chiedere un'informazione a riguardo del trattamento per la fibrosi retroperitoneale di cui è affetto il padre di una mia amica che vive in Colombia. Il paziente ha 65 anni, presenta una massa di 7 x 10 cm. In Colombia diversi medici non hanno voluto trattarlo a causa delle dimensioni della massa. Qualunque consiglio o informazione a riguardo del caso sono ben accetti.
Grazie, saluti.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Daniele Masala
28% attività
0% attualità
12% socialità
POZZUOLI (NA)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2006
La fibrosi retroperitoneale è una patologia estremamente complessa che può alla lunga comportare blocco renale per compressione e dislocazione degli ureteri. Il trattamento chirurgico è altresì estremamente complesso specie nelle forme di grosse dimensioni. Viene eseguito in centri di eccellenza laddove esistono casistiche numerose.Il trattamento di minima più comunemente adottato è il posizionamento di stent ureterali, ovvero di tutori che vengono posizionati per via endoscopica e che hanno lo scopo di tenere pervi gli ureteri e consentire una regolare funzione urinaria convogliando le urine prodotte dai reni nella vescica. Tali stent possono essere sostituiti a scadenze programmate (ad es a 6 mesi o a 1 anno).