Utente 304XXX
Gentile Dottore,
mia madre di 83 anni soffre di ipertensione. Alcuni anni fa ha subito un ictus cerebrale,per fortuna in un'area muta del cervello.Assume dei diuretici e una pastiglia di accuretic e zanedip ogni giorno. I suoi valori di pressione sono quasi sempre 160/80,la sistolica sempre alta e la diastolica sempre normale.Che cosa significa? E' possibile ridurre la massima senza altre dosi di farmaco? La ringrazio.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Spesso l'aumento della pressione differenziale (differenza fra PA sistolica e diastolica) nelle persone anziane può essere legato ad insufficienza (imperfetta chiusura) della valvola aortica. L'eventuale insufficienza valvolare può essere agevolmente valutata e quantificata per mezzo di un ecocolordoppler cardiaco, che permette al cardiologo curante di scegliere la terapia più adeguata per ogni singolo paziente.
Con questo mezzo non è purtroppo possibile dare consigli specifici per Sua madre, non disponendo di dati clinici completi nè tantomeno potendo visitare direttamente la paziente. In linea di massima posso però esprimere perplessità circa l'utilizzo cronico di diuretico (contenuto nel farmaco Accuretic) in quanto nei pazienti non più giovani potrebbe causare fastidiosi effetti collaterali renali o sull'equilibrio idrolettrolitico, spesso a queste età già precario.
Ma, ripeto, la valutazione terapeutica finale spetta ai colleghi che seguono di persona la paziente.
Cordiali saluti