Utente 701XXX
Salve,
sono un ragazzo di 26 anni, e soffro di questo problema...
Il mio pene ha una forma di "banana" rivolta verso il basso, inclinato di circa... 45°/50°. No so essere più specifico per problemi "pratici" di misurazione. Misurato nella parte "alta", è lungo circa 16/17cm.
Ho notato che nell'asta del pene (parte bassa), in corrispondenza delle parti dove curva di più, ci sono due specie di "scanalature", una più evidente, una minima. Al tatto però, non noto nulla di particolare (nessun nodulo, nessuna parte più dura... niente).
Penso di avere anche il frenulo corto (il glande è "tirato" verso il basso).
Sinceramente non so se ultimamente si sia incurvato di più, tuttavia l'ho sempre avuto di questa forma.
Con la masturbazione non ho problemi, non ho dolori particolari.
L'unica ragazza che ho avuto, diversi anni fa, si lamentava di provare dolore durante la penetrazione; io solo un po' di fastidio, ma nulla di che.
Inutile negare che mi vergogno tantissimo. Forse è anche per questo che spesso non me la sento di farmi avanti con le ragazze.
Ho deciso di esporre il problema al mio medico di base, dovrei recarmi nei prossimi giorni.
Oltre alla vergogna, ho anche tanta paura.
Se dovessi operarmi, ho paura dell'anestesia (se possibile vorrei evitare quella totale), di essere circonciso (ma è "obbligatorio" per questo genere di operazioni?), di risvegliarmi con un membro non più funzionante, troppo corto, e/o di capitare nelle mani di qualcuno non sufficientemente competente.
Ringrazio anticipatamente Voi tutti per le Vostre opinioni e suggerimenti in merito.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,non capisco perché debba sottolineare solo i lati potenzialmente negativi di un intervento chirurgico che,in mani esperte,garantisce il pieno benessere sessuale che tanta parte gioca sull'equilibrio di un giovane in formazione.Consiglio,in vista di una visita medica generale,e poi specialistica,di eseguire delle fotografie del pene in erezione in varie prospettive (frontale,laterale,dall'alto in basso),che potranno essere utili per una diagnosi più pronta.Visti i 16-17 cm.,un cm. in meno non creerà alcun gap per la futura vita sessuale.Ci tenga informati,se ritiene.
Cordialità.
[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

la chirurgia di "raddrizzamento" del pene affetto da deviazioni congenite è sostanzialmente ben codificata e facilmente praticabile in numerose strutture ospedaliere urologiche del veneto.
Si faccia vedere da uno specialista, (volendo potrebbe vedere su www.andrositalia.org qualche nome nel veneto), e valutare con lui la situazione e le indicazioni alla correzione chirurgica
cari saluti