Utente 487XXX
Salve a tutti, questa è la mia situazione:

1. Atrofia testicolare a sx ( come conseguenza di parotite contratta a circa 14 anni). Riporto il risultato dell'ecografia risalente a 2 anni fa:
"testicolo di dx aumentato di volume in processo di compensazione vista l'atrofia testicolare di sx.
Buona la vascolarizzazione in entrambi i testicoli.
Membrana vaginale comune integra bilateralmente.
Il parechima testicolare è normoconformato.
Non aree sostitutive.
A sx si conferma l'atrofia testicolare a contenuto ipoecogeno omogeneamente diffuso".
Ho eseguito i markers: tutto nella norma.

2. Curvatura pene verso sx di circa 30 gradi.

-Il testicolo va asportato chirurgicamente oppure sono sufficienti controlli periodici?
-La curvatura del pene non comporta disfunzioni erettili né eiaculatorie, ma è fonte di disagio psicologico e imbarazzo. Voglio dire, ho 21 anni, ho avuto parecchie ragazze ma non ho mai avuto rapporti sessuali; mi sembra quasi di nascondere a me stesso che eviti volontariamente di andarci a letto, che faccia in modo che non si presenti mai l'occasione giusta. Insomma, ho un pene visibilmente storto e un testicolo quasi inesistente ( visibilmente pure questo ) e temo che questo stia condizionandola mia vita! Che posso fare?

- Infine, é troppo chiedervi di indicarmi un andrologo competente nella zona bresciana? Il motivo é semplice: so per esperienza pesonale che un medico non vale l'altro!

Grazie anticipate e complimenti per il servizio che offrite gratuitamente!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,il Suo caso richiede indubbiamente l'intervento di un
andrologo esperto che sappia coniugare i tempi ed i modi di una diagnosi che,per quanto riguarda il testicolo sinistro é scontata,mentre per la deviazione dell'asse penieno é da porre con molta attenzione.E' opportuno che si munisca di autofotografie del pene in erezione,in varie posizioni (frontale,laterale,dall'alto) che possono facilitare il compito dell'andrologo che La visiterà.A tal proposito La invito a consultare il sito della Società Italiana di Andrologia (www.andrologiaitaliana.it) e cliccare sulla Sua regione.Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

una ipotrofia-atrofia testicolare come esito di una orchite postparotitica non rappresenta elemento di particolare preoccupazione se il testicolo normale riesce a produrre un adeguato numero di spermatozoi.( è fondamentale che lei effettui un esame del liquido seminale)
Potrebbe esistere un problema "estetico" se il testicolo sinistro fosse pressochè "scomparso" e tale problema potrebbe essere risolto con l'inserimento di una protesi testicolare.
La curvatura del pene è un problema "pratico" se impedisce o rende complesse le penetrazioni sessuali ed in tal senso dovrebbe essere corretto chirurgicamente ( intervento sostanzialmente semplice e praticabile in molti ospedali o strutture specialistiche)
In alcuni casi può essere fonte di notevole disagio "estetico" tanto da "bloccare" il giovane nelle sue prime esperienze sessuali.
In tale caso la correzione chirurgica può evere corrette indicazioni.
E' bene che il chirurgo possa vedere "direttamente" il pene in erezione dopo uno stimolo con PGE1 effettuato direttamente nello studio, magari in associazione ad una valutazione ecografica.
la decisone va presa di comune accordo.
se vuole consulti www.erezione.org
cari saluti
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro giovane lettore ,
come ha potuto intuire la sua situazione clinica è complessa ed articolata e richiede una attenta valutazione clinica da parte di un esperto andrologo. Su chi contattare poi anche il nostro sito può darle delle indicazioni precise od eventualmente può consultare pure il sito della Società Italiana di Andrologia.
Un cordiale saluto

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com