Utente 281XXX
Salve,vorrei sapere se al primo molare superiore,cioè quello che precede il dente del giudizio si può fare un intervento di apicectomia?premetto che ha una bolla di pus sulla gengiva ed e già devitalizzato pero il mio dentista mi ha detto che non e efficace e bisogna solo estrarlo,rispondete numerosi,e importante grazie in anticipo
[#1] dopo  
Dr. Paolo De Carli
28% attività
0% attualità
16% socialità
MAJANO (UD)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2012
A questo argomento e alle sue numerose identiche domande abbiamo già risposto

http://www.medicitalia.it/consulti/Odontoiatria-e-odontostomatologia/367049/Ciste-dentaria
http://www.medicitalia.it/consulti/Odontoiatria-e-odontostomatologia/367771/Denti-devitalizzati
http://www.medicitalia.it/consulti/Odontoiatria-e-odontostomatologia/370267/Apicectomia

Rilegga in particolare con attenzione la risposta che le ho fornito nel primo link, troverà tutto quello che è possibile esprimere, online, sul suo caso in assenza di una visita clinica e delle radiografie.

A questo punto, se ha dei dubbi sull'operato del suo dentista, può soltanto sentire un secondo parere presso un altro professionista qualificato.

In bocca al lupo.
[#2] dopo  
Dr. Armando Ponzi
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2011
Gentile paziente,
Credo che lei si riferisca al 2° molare (il 3° è quello del giudizio).
Potrebbe eseguire una CBCT, una rx in 3D: si potrebbe capire meglio l'entità della lesione, il coinvolgimento di quali radici e la loro forma e posizione nello spazio osseo.
Queste informazioni sono essenziali per prendere la decisione di una apicectomia (tecnicamente molto difficile) o di una estrazione.
Cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Sergio Formentelli
48% attività
20% attualità
20% socialità
GENOVA (GE)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
L'esame radiologico più indicato, come scritto dal dr. De Carli nei link citati, è la semplicissima radiografia endorale, strumento in dotazione da ogni dentista.

Li ci sono QUASI SEMPRE TUTTE le informazioni necessarie per emettere una diagnosi e formulare dei piani terapeutici.

Con la CBCT, in sostanza una rx in 3D, strumento a disposizione di pochi centri odontoiatrici avanzati, si possono acquisire ulteriori informazioni accessorie valide sopratutto per la fase successiva, ovvero l'inserimento dell'impianto in sostituzione, se verrà scelta questa strada.

A volte, in un numero limitato di casi, la CBCT potrebbe fornire delle indicazioni diagnostiche indispensabili.
[#4] dopo  
Utente 281XXX

Iscritto dal 2012
Vi ringrazio,il mio dentista mi ha detto che l'unica soluzione è estrarlo perche la devitalizzazione non è stata efficace e aveva difficoltà a trovare un canale quindi mi ha spiegato che è il dente che crea questa bolla di pus perche ha una carie molto profonda,secondo voi posso tentare con l'apicectomia?oppure visto che è proprio un problema del dente allora non mi resta che estrarlo perche la bolla si riformerà sempre?grazie
[#5] dopo  
Dr. Maurizio Macrì
36% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2013
Gentile paziente, l'apicectomia con otturazione retrograda è un intervento conservativo che rientra nell'ambito della chirurgia endodontica là dove il trattamento endodontico ha avuto un insuccesso non più correggibile.

L'insuccesso di un trattamento endodontico del secondo molare superiore sicuramente rappresenta una grave ostacolo al suo recupero.

Nel caso in cui l'ascesso dentario sia dovuto non solo alla presenza di un area osteolitica apicale (granuloma) ma anche ad una lesione del pavimento del dente che tiene assieme le radici, il dente risulterebbe compromesso e ,quindi da estrarre.

Se , invece, "la bolla di pus",come lei la definisce, ha origine esclusivamente dal canale radicolare non trattato l'ipotesi chirurgia endodontica ha concrete possibilità di essere eseguita.

Se la lesione è a carico della radice mesi o-vestibolare che non "pesca" all'interno del seno mascellare , la chirurgia endodontica con apicectomia ed otturazione retrograda ha buone possibilità di successo; se invece la lesione è a carico della radice distale o di quella palatale l'intervento presenterebbe maggiori difficoltà per la posizione anatomica delle stesse.

Una valida alternativa, nel suo caso, potrebbe essere la rizectomia , tecnica chirurgica che comporta l'asportazione in toto della radice non trattata endodonticamente con otturazione della sede di emergenza della radice dal pavimento.

La scelta chirurgica dipende dalla diagnosi clinica e radiologica.

Nulla vieta di effettuare un lembo chirurgico esplorativo, e in quella sede decidere con radiografie e visione diretta se optare per l'apicectomia con otturazione retrograda o per la rizectomia o direttamente per l'estrazione.

Cordiali saluti.
[#6] dopo  
Utente 281XXX

Iscritto dal 2012
La ringrazio,il mio dentista mi ha detto che già 5 anni fa quando lo divitalizzai,in realtà era da togliere perche la carie era profonda pero lui me lo devitalizzo comunque fin quando non mi avrebbe dato fastidio ed ora da 6 mesi mi e uscita questa bolla di pus sulla gengiva,lei che ne pensa?e nel caso facessi questa rizectomia il dente subirebbe delle lesioni?oppure resterebbe sempre in perfetta forma?grazie
[#7] dopo  
Dr. Maurizio Macrì
36% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2013
Gentile paziente,
chi più del suo odontoiatra di fiducia sa come sta questo dente e cosa fare.
Ogni intervento a carico di un dente , per quanto restaurativo e conservativo diminuisce le probabilità di tenersi quel dente tutta la vita.

La rizectomia ridurrebbe da tre a due le radici del suo molare.

E' una soluzione terapeutica che funziona bene se vi sono le premesse e se ben eseguita.

Sicuramente il suo dente sarebbe più "debole " ma gli concederebbe delle possibilità di restare ancora diversi anni in bocca.

Di certo avrebbe bisogno di una corona protesica , andata a buon fine la terapia.

Cordiali saluti