Utente 317XXX
Buongiorno, vi scrivo perché all'età di circa 5-6 anni cadendo da un muretto alto circa 1,60 m dal quale giocavo saltando giù picchiai la testa in prossimità della bozza dell'osso frontale destro.
Non caddi con tutto il peso, perché riuscii a mettere le mani a terra prima di prendere il colpo in testa, però presi comunque un bel colpo.
Finii al pronto soccorso e il tutto si concluse senza eseguire lastra alcuna solo con dei punti sul taglio procurato dalla caduta, e con la disposizione di stare sotto controllo se nelle ore successive avessi avvertito nausea o altro (sintomi che non avvertii).

Oggi ho 23 anni, ma ho ancora alcuni dubbi, perché noto che la bozza frontale destra è meno prominente della sinistra e toccandola sento come se avesse delle piccole "crepe".

Volevo porre alcune domande per cui cerco risposta:

-1- una botta presa (ipotizzando anche non vi siano state fratture) può in qualche modo influire sullo sviluppo del cranio e aver determinato tale asimmetria?

-2- avevo intenzione di andare da un chirurgo maxillofacciale per valutare il problema e magari anche un intervento di correzione, volevo però anche capire se con le lastre, tc o altri esami diagnostici fosse possibile capire se questa asimmetria fosse in qualche modo congenita o dovuta appunto al colpo e a una ipotetica frattura o distaccamento (nonostante sia passato diverso tempo dall'accaduto). Questo per pura curiosità più che altro.

Vi ringrazio

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Alberto Diaspro
28% attività
4% attualità
12% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2013
Prenota una visita specialistica
Buongiorno
per soddisfare le sue curiosità la rassicuro sul quanto segue:
- lo sviluppo delle ossa craniche non risente di traumatismi come quello descritto, per altro comuni a molte bambini. Fortunatamente fratturare il cranio non é cosi facile, soprattutto in giovane età, ne rimangono "crepe" come lei descrive di percepire.
- esegua pure la visita presso uno specialista, che valutando la situazione clinica potrà eventualmente prescrivere gli esami opportuni. Le preciso tuttavia che gli interventi di correzione delle ossa craniche sono riservati a casi di malformazione congenita grave, sindromici, essendo molto complessi e non privi di rischi, dato l'interessamento di strutture anatomiche cosi vicine al cervello.
Confido quindi che dopo aver eseguito la visita specialistica le sue curiosità vengano soddisfatte secondo quanto da me qui sommariamente precisatoLe.
Cordiali saluti
[#2] dopo  


dal 2013
La ringrazio per tanta chiarezza e celerità nella risposta.

1- Dunque se ho ben capito tali "crepe" residuo della botta non dovrebbero influire sulla morfologia del cranio, nel senso: il fatto che una bozza frontale sia lievemente più prominente dell'altra (quella "traumatizzata") è più probabile sia dovuto alla mia genetica che alla botta in se? In altre parole ancora che se anche non avessi preso la botta avrei comunque avuto tale asimmetria?

2- Il fatto di avere tali "crepe" (mi scuso ma non so il nome in gergo tecnico) può essere quindi la conferma che il trauma avvenuto in giovane età abbia interessato l'osso cranico frontale o anche in tal caso potrebbero essere indipendenti dalla botta? In altre parole: magari anche se non avessi preso quella botta le potrei avere avute in quanto non correlate all'evento in se?

La ringrazio per questi due ulteriori chiarimenti e mi scuso per le molte domande ma sono anni che me le porto appresso :)
[#3] dopo  
Dr. Alberto Diaspro
28% attività
4% attualità
12% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2013
Buongiorno
impossibile dire se la asimemetria sia dovuta alla crescita fisiologica o al trauma: alcuni traumi ripetuti possono determinare cambiamenti nell'anatomia dell'osso, per adattamento. Che altrettanto avvenga dopo un singolo trauma é discutibile.
Le "crepe" di cui Lei parla non hanno per me alcun significato, nell'impossibilità di visitarLa, non riesco a figurarmi la situazione clinica: per questo, al fine di ricevere risposte totalmente esaurienti, la ho consigliato una visita presso un Collega.
Cordalmente
[#4] dopo  


dal 2013
La ringrazio per le risposte, mi scuso inoltre per il fraintendimento perché leggendo la ripsosta <<Fortunatamente fratturare il cranio non é cosi facile, soprattutto in giovane età, ne rimangono "crepe" come lei descrive di percepire.>> avevo capito che dopo la frattura di solito rimanevano "crepe" e quindi ho posto ulteriori domande.

Grazie ancora per il grande aiuto, mi rivolgerò fisicamente ad un collega in caso voglia risposte sul mio caso in particolare.

Buon lavoro.