Utente 662XXX
Sono un uomo di 36 anni con una normale vita sessuale, ma circa un mese mi sono accorto di avere nella parte dorsale del pene un cordoncino molto duro, che presumo sia una vena indurita, mi accorgo di averlo solo in fase erettiva...oltrettutto, durante il rapporto sessuale non riesco a mantenete l'erezione, non so se questo sia dovuto al fastidio (e non dolore) che provo quando viene fatta pressione su questo cordoncino...non ho subito nessun trauma di tipo fisico, sono un fumatore (non accanito)....cosa devo fare?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
16% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
la cosa migliore per capire tale situazione è sottoporsi a visista urologica
[#2] dopo  
53238

Cancellato nel 2012
Gentile Lettore,
è probabile che quanto descritto possa essere una infiammazione alla vena dorsale superficiale del pene, evento non raro.
Questo in genere si risolve spontaneamente o con l'aiuto di un antiinfiammatorio per il quale potrà sentire il suo medico curante.
Una valutazione più approfondita richiede però una valutazione andrologica come sottolineato dal collega Quarto.

Ci tenga informati se può esserle di aiuto.
Cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Giuseppe Benedetto
28% attività
0% attualità
16% socialità
VICENZA (VI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2004
potrebbe essere una infiammazione o unatrombosi della vena superficiale dorsale del pene
si faccia visitare da un andrologo che le prescriverà anche terapia topica in grado di risolvere in breve il problmea
[#4] dopo  
Utente 662XXX

Iscritto dal 2008
Vi ringrazio per le risposte...in settimana andrò dal mio medico per farmi consigliare uno specialista della zona
[#5] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
se si trattasse di una flebite di una vene peniena...oltre a palpare un "cordoncino" Lei dovrebbe avere, od avere avuto, altri segni e sintomi clinici. Mi riferisco al dolore (anche a pene in riposo), al rossore (iperemia), al gonfiore (edema). Potrebbe trattarsi di una flebotrombosi. In effetti, credo che un esame ecografico penieno potrebbe risolvere facilmente il dubbio diagnostico. L'esame, su parere dello Specilaista Andrologo, potrebbe anche esere effettuato dopo stimolazione con PGE. I disturbi erettivi di cui si lamenta non dovrebbero avere correlazione, se non psicologica, con l'esistenza di questo "cordoncino".
Mi tenga ancora informato se lo ritiene utile ed opportuno.
Auguri affettuosi per la pronta risoluzione del Suo disturbo ed un cordialissimo saluto.
Prof. Giovanni MARTINO
[#6] dopo  
53238

Cancellato nel 2012
Le ipotesi possono essere varie, ma senza almeno una visita rimangono tali.

Ci tenga informati sui risultati della visita se può esserle di aiuto.
Cordiali saluti
[#7] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
al di là del famoso "cordoncino", consultare un Collega Andrologo potrebbe essere la mossa più giusta al fine di chiarire le motivazioni della disfunzione erettile che ci ha riferito.
Non trascuri questo aspetto fondamentale.
Ancora un caro saluto
Prof. Giovanni MARTINO