Utente 752XXX
Buongiorno sono una ragazza di 29 anni. Da un mese e mezzo sto facendo una cura per l'infiammazione alla safena profonda della gamba destra.
Premesse: prendo da 6 anni la pillola yasminelle (forse dovrò sospenderla mi è stato detto) e il male costante è emerso dopo vacanza di 5 gg passata sempre in giro a piedi al caldo (ho preso aereo con viaggio di 1ora), poi due settimane a due corsi in palestra quindi quasi tutto il giorno ferma in piedi.
La cura che mi è stata prescritta è stata di : flebil in compresse e clarema. In seguito continuando ad avere fastidi alla gamba quali formicolii, piccole contrazioni involontarie e sempre una sensazione di pesantezza e gonfiore (pur non avendolo) mi sono state date 6 punture nella pancia di clexane, compresse di fortilase e sempre flebil. Purtroppo continuo ad avere fastidio e dolore come una morsa nell'interno coscia....e al polpaccio alle volte. Sono un' allenatrice di pallavolo e inizierò presto preparazione con la mia squadra e starò spesso in piede e mi è stato consigliato di mettere calza elastica. Pereò vorrei sapere se tutti questi problemi sono dovuti solo alla vena o ci potrebbe esser qualche altra causa. Ho temuto fosse sclerosi multipla.... potrebbe essere??Passerà prima o poi questo fastidio?Ho fastidio al polpaccio quando guido e anche quando sono sdraiata non ho male ma costante fastidio (ora ho il ciclo quindi la cosa è forse un po più frequente).
In attesa distinti saluti
[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
CON I LIMITI DI UNA VALUTAZIONE A DISTANZA

Gentile Utente,
non ci riferisce in che modo sia stata posta questa diagnosi (ecocolordoppler ?), che per altro risulta poco comprensibile dal momento che non esistono "Safene profonde".
La Safena è un tronco venoso supeficiale, la cui infiammazione (flebite) risulta generalmente molto evidente lasciando pochi dubbi di intrepretazione dei sintomi.
[#2] dopo  
Utente 752XXX

Iscritto dal 2008
RingraziandoLa per la tempestiva risposta, la diagnosi è stata fatta dopo una visita dal medico che dopo avergli descritto i fastidi ha guardato la gamba e ha toccato la vena e ho accusato dolore al tatto. Mi ha parlato di infiammazione alla vena , la safena profonda e cosi ho scritto...
Potrebbe esser qualcos'altro??
Sicuramente mi sa dovrò fare degli esami a questo punto non passando il fastidio... però sono preoccupata che sia qualcosa di grave...
Ringraziando ancora distinti saluti
[#3] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Sarebbe opportuno che la diagnosi venisse avvalorata ed eventualmente approfondita mediante una visita specialistica.
[#4] dopo  
Utente 752XXX

Iscritto dal 2008
La ringrazio ma lei non sa dirmi cosa potrebbe essere in alternativa o in aggiunta alla diagnosi fatta?
[#5] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
I sintomi riferiti sono troppo aspecifici per azzardare ipotesi a distanza.
[#6] dopo  
Utente 752XXX

Iscritto dal 2008
Buonasera, ieri mattina ho sostenuto esame ecocolor-doppler e ha dato i seguenti risultati:

ASSI VENOSI PROFONDI: distretto popliteo femorale bilateralmente pervio, con flussi modulati, non refluenti, normoreagenti alle manovre compressive, pareti ipoecogene, mobili, elastiche e comprimibili con la pressione della sonda. Alle caviglie: tibiali posteriori pervie, normoreagenti, comprimibili.

ASSI VENOSI SUPERFICIALI: ostio safeno femorale destro e sinistro continenti. Grande safena alla coscia e alla gamba continente a destra e a sinistra. Piccola safena continente a destra e a sinistra.

Il medico mi ha detto che il problema non sono le vene ma forse a questo punti i muscoli.... lei cosa ne pensa?
ringraziandolo arrivederci
[#7] dopo  
Dr. Pietrino Forfori
36% attività
20% attualità
16% socialità
SAVONA (SV)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
gentile utente
forse a quest'ora avrà già dipanato i suoi dubbi, ma, a consulto sospeso cerchiamo di dare una risposta:
- le safene (anteriore e posteriore) sono vene del circolo superficiale quindi il termine safena profonda era di per se non corretto;
- alla luce dell'esame ecocolordoppler risultato nella norma si può concordare con l'esaminatore che il problema non risiede nel sistema circolatorio;
- sempre con i limiti di un consulto a distanza, in assenza di insufficienza venosa , la terapia elastocompressiva non è necessaria;

i disturbi che lei riferisce in genere sono espressione di alterazioni della sensibilità dei nervi periferici dell'arto inferiore secondari a problematiche , nei soggetti giovani, vertebrali posturali.

cordialmente