Utente 257XXX
Salve a tutti... premettendo che sono una persona ansiosa e probabilmente ipocondriaca, volevo chiedervi, non mi sono mai considerato dipendente dalle mie 10-15 sigarette giornaliere da circa 2 anni e qualcosa... però da qualche giorno noto come una strana e continua voglia di fumare anche dopo averne spenta una... il fatto mi preoccupa non poco poichè le sigarette le uso per svagarmi e rilassarmi ma è anche vero che sto vivendo un periodo molto stressante poichè questa estate per me è stata fin troppo altalenante (periodi felici e periodi tristi associati anche con vari attacchi di panico nel cuore della notte prima di dormire, faccio tardi a letto) così inizialmente ho pensato potesse trattarsi di stress e vengo preso dalla cosiddetta "fumata isterica" anche se mi sto comunque impaurendo molto. Può anche darsi che io mi stia solo facendo "mille paranoie" che sono tipiche della mia persona (E' una cosa che notano tutti i miei coetanei, specialmente quando ho paura di malattie). Giungendo in conclusione... di cosa si tratta? Vi ringrazio in anticipo, cordiali saluti.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Serafino Pietro Marcolongo
56% attività
20% attualità
20% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Gent. utente,

purtroppo credo si tratti proprio di assuefazione al fumo!

Ne parli al più presto col Suo Curante.


Prego.

Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 257XXX

Iscritto dal 2012
Beh... se proprio dovesse essere così... in genere il fumatore si abitua a questo no? Mi impaurisce questo.
[#3] dopo  
Dr. Serafino Pietro Marcolongo
56% attività
20% attualità
20% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
Bèh...è proprio questa forma di abitudine o assuefazione che porta, involontariamente o istintivamente, a fumare di più soprattutto nei momenti di stress!

Questa è proprio quella fase critica in cui il fumatore viene "gestito" dalla sigaretta e non il contrario. Per questo è preoccupato...


Saluti.