Utente 303XXX
Buonasera gentili dottori,
ho ventidue anni e il medico mi ha prescritto una pastiglia da 0,5mg di Xanax da assumere dopo cena.
Mi chiedevo se, durante la cena o dopo cena, sia possibile bere alcolici.
Il sabato sera, per fare un esempio, "viaggio" sui due o tre boccali di birra ed eventualmente un bicchiere di superalcolico.
In queste condizioni come mi devo comportare?
In caso di serate del genere sopra citato si può interrompere l'assunzione o sarebbe un grave errore? Altrimenti bere alcol a qualche ora dall'assunzione dello Xanax potrebbe giovare?
Attendo delucidazioni visto che il libretto illustrativo non mi è stato di grande aiuto.
Grazie e buon lavoro.
[#1] dopo  
Dr. Tommaso Vannucchi
40% attività
20% attualità
16% socialità
PRATO (PO)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
gentile utente
presuppongo che se il medico le ha prescritto lo xanax significa che sffre di disturbi ansiosi ed in questo caso è bene non abusare di alcol nelle dosi come assume lei in quanto l'alcol in un primo momento rilassa ma successivamente aumenta gli effetti dell'ansia e quindi è inutile assumere la terapia; buona regola sarebbe evitare l'assunzione di alcolici durante il trattamento per gli effetti imprevedibili conseguenti ad interazione alcol e ansiolitico; se proprio è impossibile evitatare questo può assumere una unità alcolica (veda l'articolo alcol e farmaci di questo sito per il valore dell'unità alcolica) lontano dal farmaco
[#2] dopo  
Utente 303XXX

Iscritto dal 2013
Gentile dottore,
grazie per la risposta. So che non mi potrà rispondere con cura non avendomi visitato personalmente, ma le posso dire che i miei disturbi non si racchiudono in attacchi di panico, fiato corso, inquietudine o in generale i comuni sintomi, bensì in una sorta di dolore articolare.
Andando a esclusione siamo giunti ad affrontare l'idea che si potesse trattare d'ansia, visto che non sono totalmente estraneo a momenti di preoccupazione costante, senza mai essere sfociato in attacchi o problematiche evidenti.
Mi domandavo, a tal proposito, se lei pensa che lo xanax possa essere la strada giusta. Onestamente sono diffidente visti i sintomi blandi e al contempo quella fascia di persone che addita lo xanax più severamente delle patologie che spingono ad assumerlo. C'è chi dice che assuefi più della droga, che sia davvero dura farne a meno.
Mi chiedo quindi se possa essere percorribile una seconda strada.
Grazie per il tempo e la cura nella sua risposta.

Cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Tommaso Vannucchi
40% attività
20% attualità
16% socialità
PRATO (PO)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
da come mi descrive i fatti sono ancora più impossibilitato a esprimere giudizi senza una visita, comunque credo che per il trattamento del "dolore articolare" xanax non sia la strada giusta
[#4] dopo  
Utente 303XXX

Iscritto dal 2013
Posso chiederle cosa glielo fa pensare?
Crede che non possa essere legato all'ansia oppure altro?
Perchè effettivamente mi accorgo di una particolare rigidità muscolare quando sono in tensione e dolori simili quando mi "preoccupo".
Soffro di una lieve ipocondria e non sono estraneo a rimuginazioni riguardo problemi o simili, quindi so che un disturbo d'ansia è responsabile di questi malesseri.
Quello che mi domando è se sia possibile intraprendere un percorso alternativo ai farmaci.
[#5] dopo  
Dr. Tommaso Vannucchi
40% attività
20% attualità
16% socialità
PRATO (PO)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
un percorso alternativo potrebbe essere intraprendere un percorso basato su tecniche di rilassamento
[#6] dopo  
Utente 303XXX

Iscritto dal 2013
Effettivamente è quello che speravo.
A chi pensa mi dovrei rivolgere? Per ora stavo pensando a un colloquio con uno psicologo, ma nello specifico...?
Inoltre, come specialista in farmacologia che parere ha nei confronti dei rimedi suggeriti in erboristeria?
[#7] dopo  
Dr. Tommaso Vannucchi
40% attività
20% attualità
16% socialità
PRATO (PO)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
nella sua zona non so a chi potersi rivolgere per questi trattamenti per quanto riguarda la fitoterapia tenga presente che le piante non sono sinonimo di "sempre sicuro" in quanto contengono principi attivi efficaci e anche che possono dare effetti collaterali pensi per esempio agli oppiacei o a varie droghe utilizzate a scopo voluttuario
[#8] dopo  
Utente 303XXX

Iscritto dal 2013
Io chiaramente non parlavo di oppiacei o droga, ma effettivamente ai rimedi da erboristeria. Ho sentito parlare dei fiori di Bach, ad esempio, ma allo stesso tempo so che sono molto criticati.
Per quanto riguarda il suo consiglio, a che figura mi dovrei rivolgere esattamente.
[#9] dopo  
Dr. Tommaso Vannucchi
40% attività
20% attualità
16% socialità
PRATO (PO)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
oppiacei e droga era relativo al concetto che tutto ciò che è vegetale non significa essere privo di efficacia e di effetti collaterali; per maggiori informazioni sui fiori di bach etc faccia un post nella sezione medicina alternatva di questo sito
[#10] dopo  
Utente 303XXX

Iscritto dal 2013
Perfetto, grazie mille per il consiglio. Visualizzerò assolutamente la pagina. Tornando sugli esercizi di rilassamento e altro, con chi dovrei mettermi in contatto secondo lei?